La baby prodigio e top ten: Eleonora Cecere Non è la RAI Special edition 25 years later

Eleonora Cecere Non è la Rai – Sono passati esattamente 25 anni da quando Gianni Boncompagni mise la parola FINE a Non è la Rai, trasmissione che segnò un’intera generazione. Quella degli anni ’90. Più volte Boncompagni si trovò a rispondere a quanti la definivano trash il suo programma televisivo, un appellativo oggi che va per la maggiore, all’epoca ancora nuovo. Ma se pensiamo alla leggerezza, al colore, alla spensieratezza di una generazione senza Iphone e social network ma solo con tanti giochi e tante canzoni, possiamo davvero definirla trash?

E come sarebbe stata invece la generazione di oggi al ritmo di Please don’t go? Di questo e di tanto altro ancora ne parleremo a partire da oggi con le vere protagoniste dell’epoca: le ragazze di Non è la Rai.

Eleonora Cecere, Non è la RAI: oggi è un’ attrice in carriera

Eleonora Cecere, Eleonora Cecere Non è la Rai, carriera, vita privata,
Eleonora Cecere Non è la Rai

Ogni settimana pubblicheremo un’intervista alle beniamine di ieri che ancora oggi rimangono un punto fermo nei dolci ricordi di un’infanzia limpida e scatenata. Chi non si ricorda di una cascata di ricci biondi? Stiamo parlando di Eleonora Cecere fra le veterane di Non è la Rai. Se provassimo a scrivere la top ten delle ragazze che hanno fatto la storia del programma televisivo Non è la Rai, Eleonora Cecere occuperebbe il podio. Presente in tutte e quattro le edizioni e sempre con un ruolo da protagonista, Eleonora è a furor di popolo una fra le più importanti icone di Non è la Rai.

Non è la Rai, Eleonora Cecere. Baby attrice prodigio ha recitato nel film La Carne di Ferreri, L’Intervista di Fellini e La Famiglia di Ettore Scola. Dopo Non è la Rai ha continuato la carriera artistica fra tv, cinema e teatro.

” UN PROGRAMMA PRIVO DI CONTENUTI, NON VOGLIO LANCIARE NESSUN MESSAGGIO. DICONO CHE PROPONGO “UN INSOPPORTABILE CLIMA DA GITA SCOLASTICA IN TORPEDONE”. E ALLORA? COSA C’È DI MALE? SONO D’ACCORDO, SOLO CHE TOGLIEREI IL TERMINE INSOPPORTABILE. E POI ABOLIREI LA PAROLA VOLGARE, PERCHÉ IO PRETENDO DA TUTTI I MIEI COLLABORATORI DELLE INQUADRATURE CASTISSIME”

Eleonora Cecere: “Prima dovevi avere mestiere e qualità, ora basta altro…”


Chi era Eleonora 25 anni fa, chi è Eleonora oggi?

“Una giovane artista arrivata al grande successo dopo già molteplici esperienze lavorative al fianco dei più grandi nomi del cinema… sempre con la stessa umiltà che questo esige. Oggi sono sempre la stessa con la gioia e la consapevolezza di essere mamma e di avere una splendida famiglia”.

Se diamo un’occhiata al passato, qual è il sentimento che maggiormente prevale?

“Purtroppo, così come cambiano i tempi, cambia anche la TV e il cinema. Prima era un mondo spietato, ora è lo stesso di prima, con la differenza che prima dovevi avere mestiere e qualità, ora basta altro”.

C’è un lato di te, del tuo carattere o personalità che chi ti seguiva dell’epoca non ha mai conosciuto?

“L’umiltà. Avrei voluto stare più insieme con i miei fans ma l’allora sistema molto “protettivo” degli addetti ai lavori non lo permettevano per motivi di sicurezza. Credetemi, quando mi accorgevo che molti di loro passavano intere notti al Palatino per vedermi per un solo minuto, avrei voluto abbracciarli e ringraziarli personalmente uno a uno”.

Manca alla tv di oggi un programma come Non è la Rai? Perché?

“Assolutamente sì e non si capisce perché non ci abbiano ancora pensato. Pensate che noi andavamo tutti i giorni in diretta, con migliaia di fans in tutto il mondo. Un programma che viaggiava con ascolti impressionanti e soprattutto un programma pulito. Oggi ce ne sarebbe veramente bisogno”.

“Ancora ci seguono in tantissimi”

Non è la Rai è stato tanto amato ma non sono nemmeno mancate le tante critiche, ma se accendiamo la tv oggi, possiamo affermare che… si stava meglio quando si stava peggio?

“Tutte noi avevamo una vita privata, con le famiglie affianco e il “fidanzatino geloso”, però oggi che si è arrivati alle ennesime repliche le mie figlie, così come le loro amichette, guardano “Non È La Rai“. Segno inequivocabile che poi non era così male”.

Come sarebbe stato Non è la Rai ai tempi dei social network? Credi avrebbe mantenuto la sua naturalezza?

“Certo che sì ma sarebbero esplosi i Social! Ancora ci seguono in tantissimi nonostante siano passati ben 25 anni”.

Onestamente, pesa a distanza di tanti anni essere ancora la ragazza di…

“Assolutamente no, ne sono orgogliosa. Non è la Rai mi ha dato il successo, ma dopo ho lavorato in talmente tante produzioni che non mi pesa affatto”.

“La vita è un dono e come tale va presa”

Oggi va di moda l’hashtag #machenesannoi2000…, cosa manca ai giovani di oggi rispetto a noi adolescenti di ieri?

“Forse i valori fondamentali, quelli che cerco di trasmettere alle mie figlie. Oggi si vive la vita con troppa superficialità e leggerezza. Nessuno vuole più impegnarsi perché esistono purtroppo delle scorciatoie”.

I figli di ieri: una generazione che era felice con il poco che aveva. Oggi si ha tutto e si è sempre scontenti. Cosa ne pensi?

“Che la vita è un dono e come tale va presa. I ragazzi di oggi sono figli di sinergie di vita purtroppo cambiate, in peggio credo. Io ad esempio nonostante avessi già una mia vita autonoma non mi sarei mai sognata di mancare di rispetto a mia madre o a qualsiasi altra persona. Questa è la prima cosa che ho insegnato alle mie figlie”.

close

Iscriviti alla NewsLetter

Rimani aggiornato sulle ultime notizie pubblicate da GenteVip

Manteniamo i tuoi dati riservati e condividiamo i tuoi dati solo con terze parti che rendono possibile questo servizio. Leggi la nostra politica sulla privacy.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.