Gossip: Marco Cartasegna alle prese con il cyberbullismo per il fatto che sta tacendo la relazione con Soleil Sorgè o c’è dell’altro?

Gossip: Marco Cartasegna, ex tronista Uomini e Donne, sostiene di essere vittima di numerosi attacchi per la sua presunta relazione con Soleil Sorgè, diventata in questi giorni ex fidanzata del concorrente del Grande Fratello Vip 2 Luca Onestini. Non aveva detto nulla ancora, ma adesso Marco Cartasegna dice basta e decide di smuovere le acque e reagire. Infatti Marco Cartasegna ha registrato un video per denunciare il cyberbullismo di cui è vittima in questi giorni e in più vuole porre fine alla violenza virtuale che ogni giorno colpisce persone molto sensibili.

Marco Cartasegna, gossip, soleil sorgè, insultato,
Marco Cartasegna

Gossip: Marco Cartasegna tace la presunta relazione con Soleil Sorgè e viene insultato per non uscire allo scoperto

Gossip: ” Il cyberbullismo lo sto vivendo sulla mia pelle negli ultimi giorni. Posso garantivi che non è piacevole. A me non fa particolarmente male perché ho le spalle larghe e una certa esperienza, però pensare che gli insulti che mi sono rivolti in questi giorni vengano rivolti anche a ragazzini e ragazzine di 12, 13, 14 anni mi spaventa enormemente. Non posso immaginare come persone che stanno diventando grandi possano reagire di fronte a una simile violenza. Lo trovo spaventoso, mi atterrisce e mi fa pensare che io debba fare qualcosa a riguardo.”

La proposta contro il bullismo virtuale di Marco Cartasegna

L’ex tronista di Uomini e donne cita poi Selvaggia Lucarelli e la sua proposta per contrastare il cyberbulllismo, ovvero associare un documento d’identità in fase di registrazione ai social network in modo che ciascun utente sia sempre identificabile. E infatti dice:

“Le persone devono mettere nome, cognome e faccia. Sui social la gente si sente legittimata ad usare una violenza ed una terminologia che, nella vita reale, non utilizzerebbe mai. Io non capisco perché sui social valga tutto. Sui social devono valere le stesse regole che valgono nella vita reale.

“Non credo nella multa pecuniaria, credo che quando uno sbaglia deve essere segnalato, i social devono verificare e la misura debba essere quella di non poter usare il social per tot. tempo […]”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here