Esclusiva – Giovanni Ciacci, sabato 23 luglio, è stato tra gli ospiti di spicco del Gay Village. Tra amici e divertimento, lo stylist e tutor di Detto Fatto, si è lasciato travolgere dalla musica di Loredana Bertè.

Giovanni Ciacci nell’arco della sua carriera ha firmato diversi look, diventando così uno dei protagonisti più importanti del mondo dello spettacolo. In questi ultimi anni abbiamo avuto modo di conoscerlo più a fondo grazie al programma “Detto Fatto, condotto da Caterina Balivo. Rivoluzionare i look e dar loro una nuova linfa è sempre stata la missione di Giovanni Ciacci. Nelle ultime edizioni è diventato anche un fedele amico del Gay Village, la manifestazione più attesa dell’estate romana.

Giovanni Ciacci
Giovanni Ciacci

Durante questa estate infatti è stato fotografato diverse volte nel privè del campus, facendosi immortalare in diverse occasioni insieme alla direttrice Vladmir Luxuria. Ieri sera è ritornato al campus per l’imperdibile concerto della sua grande amica Loredana Bertè, che ha riscosso un grandissimo successo registrando anche il sold out alle vendite.

Ormai da diversi anni sei un amico del Gay Village. Come hai visto cambiare questa manifestazione?

Beh devo dire che è cambiata molto. È diventato sostanzialmente un mondo tutto nuovo ma con lo stesso spirito. 

C’è una canzone di Loredana Bertè che ha un posto particolare nel tuo cuore?

Ho avuto la fortuna di lavorare tantissimi anni con Loredana. Ma tra le sue canzoni quella che più preferisco è “Ragazzo Mio”.

Secondo te Vladmir Luxuria quest’anno è riuscita a raggiungere il suo scopo?

Assolutamente sì! Ma la cosa non mi stupisce affatto. Vladmir Luxuria riesce sempre in tutto.

Nel corso della tua carriera hai firmato tanti look. In questi anni, tra le nuove leve vip, c’è qualcuno che si è contraddistinto per il suo stile?

No, nessuno! Purtroppo non esistono più le dive. Una delle ultime dive italiane si è appena esibita qui al Gay Village. Parlo proprio di Loredana Bertè e tanti dei suoi look li ho firmati io.

L’anno prossimo ti troveremo ancora nel format “Detto Fatto”?

Eh…chi lo sa? Chi vivrà vedrà, no?

LASCIA UN COMMENTO