Lo vedremo a breve sul grande schermo nei panni di Noè per il kolossal “Noah” firmato dal regista Darren Aronofsky: una pellicola che sembra promettere molto bene e che dato il genere non farà fatica a riempire la sala, anche perché a catturare l’attenzione c’è un Russell Crowe barbuto che piace alle donne ma convince anche gli uomini, che non possono fare a meno di vederlo come un modello da seguire.
Un po’ come i grandi e indimenticabili Cary Grant, John Wayne, Marlon Brando e James Dean, giusto per citare icone di epoche diverse, anche Russell Crowe è destinato ad essere un bello intramontabile: un po’ selvaggio e intramontabile, con la faccia da “uomo che non deve chiedere mai” nei suoi cinquant’anni compiuti il 7 Aprile cattura ancora l’attenzione delle donne grazie ad un fisico prestante ed uno charme indiscutibile. A consacrarlo come sex symbol ci pensò sicuramente il ruolo di Massimo Decimo Meridio nel film “Il Gladiatore”, dove oltre alla sua bellezza non passò inosservato neppure il suo talento.

Russell-Crowe-compie-50-anni-foto-682x1024
Russel Crowe, il divo di Noah festeggia cinquant’anni

Meno felice della sua carriera è sempre stata la vita privata di Russel Crowe, che gli ha valso un po’ la fama di burbero rozzo: nel 2005 l’attore ebbe qualche problema con la legge per aver scaraventato il telefono di un albergo di New York addosso al portiere di turno. Sul lato sentimentale invece di storie non è ha avute poi tante, almeno ufficialmente: dopo un matrimonio durato nove anni con la moglie Danielle Spencer, cantante e attrice conosciuta sul set di The Crossing, nel 2012 i due si sono lasciati. In seguito ci sarebbe stato un presunto flirt con la critica culinaria Katie Lee, ex di Billy Joel. Nessuna donna però è riuscita ancora a conquistare il cuore del gladiatore, che ha affermato di non volere impegnarsi al momento anche per non ferire il cuore dei figli ancora troppo giovani per vederli al fianco di un’altra donna.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here