Gerry Scotti, il conduttore del programma televisivo “Io Canto“,  ha da poco acquistato una nuova casa e la sta sistemando. Un periodo non proprio roseo per lo showman che lo scorso agosto è stato anche vittima di un malore.   Neppure il tempo di entrare nella nuova abitazione  che quattro ladri sudamericani hanno tentato di forzare la porta di ingresso. Il furto però non è riuscito perché i malviventi sono stati disturbati da un inquilino dello stabile. Gerry Scotti in quel momento non si trovava in città. Il simpatico e amato showman di Mediaset ha da poco acquistato un’ abitazione in via De Amicis, in centro a Milano. Una casa che sta ristrutturando e che quindi non è ancora abitata.


L’ altra sera alle 21.30, un cittadino cileno di 56 anni che lavora come domestico in una famiglia dello stabile, si è accorto della presenza di quattro sconosciuti, che girovagavano nella scala. Alla domanda: «Cosa state cercando?», i quattro si sono giustificati con una scusa che non ha convinto, prima di andarsene con passo veloce. Il sudamericano, insospettito, insieme con il suo datore di lavoro, è salito fino al settimo piano dove si trova l’appartamento di Gerry Scotti. I due hanno notato che la porta di ingresso era stata forzata, ma non erano riusciti ad aprirla. Hanno quindi avvertito i carabinieri che sono arrivati sul posto con una pattuglia del Radiomobile. Dei ladri, però, nessuna traccia.  Ora però Gerry, nonostante sia stato spesso etichettato come una persona tirchia , dovrà generosamente ricompensare quest’uomo senza il cui intervento, probabilmente, la situazione sarebbe finita diversamente.

close

Iscriviti alla NewsLetter

Rimani aggiornato sulle ultime notizie pubblicate da GenteVip

Manteniamo i tuoi dati riservati e condividiamo i tuoi dati solo con terze parti che rendono possibile questo servizio. Leggi la nostra politica sulla privacy.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.