Il mondo del cinema è pieno di fratelli che, condividendo la stessa passione che li anima, decidono di fare insieme film, sceneggiature e magari anche libri. Ad Hollywood il clima è più confortevole forse, in Inghilterra è un po’ meno se pensiamo al mondo della musica con i fratelli Gallagher, gli Oasis perennemente in lotta, e in Italia invece è guerra accesa a colpi di social. Ci riferiamo a Gabriele e Silvio Muccino, quest’ultimo allontanatosi dal fratello da circa un anno e deciso a mantenere il silenzio.

Gabriele Muccino attacca il fratello Silvio: "La famiglia è sacra"
Lite tra i fratelli Gabriele e Silvio Muccino

Guerra tra i fratelli Muccino

Gabriele Muccino però non ci sta e così ha deciso di pizzicare via twitter il fratello Silvio: “Fa un film su chi manipola le coscienze! E chi meglio di lui, manipolato da 10 anni, conosce il tema che racconta!“, scrive così Muccino grande che alimenta un dialogo acceso tra i suoi twitter, ma senza alcuna risposta dal piccolo Muccino, che a breve tornerà nei panni di regista con “Le leggi del desiderio“. Certo, deciso a non avere più nulla a che fare con Gabriele potrebbe aver deciso di non aver nessun contatto con lui neppure via social e quindi non sapere nulla del tweet velenoso. Nel web però si pensa soprattutto che stavolta Muccino Junior abbia preferito non commentare, anche perché per Gabriele non c’è dubbio che a rovinare Silvio sia stata la sua amicizia con la scrittrice Carla Vangelista.

Nelle parole di Gabriele c’è tanta amarezza, dovuta anche alle continue frecciatine di Silvio lanciate alla famiglia attraverso le ultime interviste rilasciate e per questo tra i suoi post dichiara anche: “Il tuo film è di una signora che ti gestisce, come un ventriloquo il suo pupazzo, da un tempo ormai irreversibilmente lontano. Sono 7 anni che non mi parli senza ragione. Nelle interviste che rilasci, non mentire o millantare più. La famiglia è sacra. Eri un grande attore,  e un grandissimo fratello. Ora i tuoi occhi sono opachi… è forse ora di guardarsi allo specchio. Ti auguro il meglio col tuo film, ma non farmi più leggere lanci di agenzie o interviste che infangano i nostri anziani genitori. Uso twitter perché alle mie mail hai risposto minacciando via legale per tenermi a distanza. Quale distanza puoi mai colmare?”. Stavolta allora, cosa farà Silvio… sarà il caso di replicare?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here