Charlene e il principe Alberto: Luna di miele in Sudafrica, la neosposa tenterà di nuovo la fuga?

Una luna di miele da sogno. E’ questo quanto è toccato alla bella Charlene, le neo sposa del Principe Alberto di Monaco, che secondo il tabloid british Daily Mail è stata convinta ‘a suon di soldi’ a non cercare l’ennesima fuga (sarebbe stato il quarto tentativo negli ultimi due mesi). Così una suite da 4.600 sterline, ossia circa 5.200 euro al giorno, è la via scelta dalla casa reale per sopire le volontà di fuga dell’ex nuotatrice sudafricana.

Viral video by ebuzzing



I bookmaker lavorano senza tregua. Dopo le scommesse sul divorzio rincarano la dose con altre quote poco rosee. La sigla William Hill offre a 6,00 la possibilità che Charlene scappi durante la luna di miele in Sudafrica e i quotisti danno per certa a 1,22 la possibilità che i due si separino prima del quinto anniversario.
Secondo quanto riporta la stampa inglese, inoltre, la neo-principessa vivrebbe con assoluta angoscia l’attesa dei risultati del nuovo test del Dna del marito: un riscontro positivo sarebbe la prova provata del fatto che Alberto le è stato infedele anche negli anni del fidanzamento. E proprio per cercare di salvare una luna di miele già tediata dal gossip e dalle voci su una prematura crisi, il test del Dna verrà effettuato a viaggio concluso.
La situazione è facilmente inquadrabile. Lo sfarzosissimo matrimonio non ha calmato Charlene: in molti si sono spinti a interpretare le lacrime della neo-principessa versate sull’altare come un pianto di rabbia per non essere riuscita a fuggire. Così Alberto prova a ‘tranquillizzare’ la consorte con una luna di miele da mille e una notte, non a caso nella terra natale della sposa. Il pernottamento all’Oyster Box Hotel di Umhlanga, sull’Oceano Indiano, viene così speso nella suite presidenziale con piscina privata e un’incredibile terrazza. Basterà a tener quieta la bella Charlene?




LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.