Il tentanto suicidio di Vito Mancini, ex concorrente del Grande Fratello, aveva colpito tutti. In molti avevano ipotizzato la possibilità che dietro questo estremo gesto si nascondessero forti problemi a livello sentimentale e lavorativo. Ma a quanto pare le cose non sono andate così tragicamente come pensavamo. A dirlo è lo stesso Vito Mancini, che si è sfogato tramite la propria pagina Facebook. Vito ha confidato di star vivendo in quest’ultimo periodo una spiacevole situazione, che ha dovuto affrontare cose difficili che lo hanno portato a vivere delle crisi di panico. Domenica, giorno del presunto suicidio, Mancini è stato vittima proprio di uno di questi attacchi, una situazione che però l’ex gieffino ha deciso di affrontare insieme ai medici. Attraverso il social network viene quindi smentito il tentato suicidio, ma Vito Mancini non ha perso l’occasione di criticare il modo in cui la vicenda è stata manipolata dai media. Da qui è partita una inutile, spietata se non meglio morbosa, costruzione di una tragedia ormai classica per un certo tipo di giornalismo con aggiunta di dettagli ad hoc a dir poco macabri, degni della bruttissima copia di Jessica Fletcher’ scrive il trentenne Vito Mancini.

Il suicidio di Vito Mancini era una bufala
Il suicidio di Vito Mancini era una bufala

Alle parole dell’ex gieffino, si sono unite quelle della sua ex fidanzata Sabrina Mbarek, conosciuta proprio al Grande Fratello 12. Sempre su Facebook ha così scritto la ragazza: “Mi spiace tanto che chi dovrebbe fare della informazione in realtà cerchi di vendere storie FALSE non curante del male che può provocare al diretto interessato e a chi ha intorno..come voi mi sono molto preoccupata, ma sapevo che poteva essere solo una bufala, perché Vi ha affrontato e affronterà sempre i momenti difficili senza mai arrendersi.. Ragazzi consiglio vivamente a qualcuno di uscire di casa, vivere il mondo, andare al parco, insomma farsi una vita e di riempirla di cose reali che ti riempiono anima e cuore..va bene piace a tutti il gossip, ma da qui a scrivere e fantasticare ce ne passa”. 

LASCIA UN COMMENTO