Laura Pausini è al momento la pop star italiana più seguita su Facebook: la cantante è infatti arrivata a quota 5 milioni di followers, e per festeggiare questo record ha persino fatto realizzare un’immagine di copertina per l’occasione, ringraziando in diverse lingue i milioni di fan che l’hanno portata ad avere un seguito così ampio. Nelle ultime ore questi 5 milioni sono destinati anche a salire gradualmente: l’osservatorio social vip ha inoltre documentato che dall’inizio del dell’anno c’è stata una crescita progressiva di “like” che ha toccato un milione e 200mila utenti negli ultimi cinque mesi, portando la Pausini a raggiungere il primato su Facebook.

laura_pausini_5milioni_like_facebook

Per la Pausini si prolungano quindi i suoi festeggiamenti per il ventennale della sua carriera, che oltre ad un album e concerti che stanno conquistando l’Italia e il mondo, viene premiata anche dal web: alla fine del 2013 era già riuscita a superare Vasco Rossi, Luciano Ligabue ed Eros Ramazzotti conquistando così il primato di artista italiana più seguita in assoluto su Facebook, registrando 4 milioni di fan. Record superato, dato che ora è il personaggio italiano più seguito del momento e amato nel mondo dei social. Il merito è sicuramente anche della cantante, oltre che della sua musica: la Pausini coltiva infatti un rapporto molto intenso con i fan su Facebook rendendosi sempre disponibile in scatti e stati post concerti, dove non manca mai di ringraziare i suoi fan per l’amore che le trasmettono. La cantante romagnola però sogna già di bissare: la sfida più grande sarà quello di raggiungere un altro record su Twitter, dove al momento è Lorenzo Jovanotti, suo caro collega, a detenere il primato. Sarà quindi una scherzosa lotta a colpi di tweet. Per ora la sua attenzione è tutta però ad un altro grande evento che l’attende: il concerto che la Pausini terrà alla Reggia di Caserta il 15 Luglio.

Laura Pausini spopola su Facebook, proseguono i suoi concerti 2014
Laura Pausini spopola su Facebook, proseguono i suoi concerti 2014

LASCIA UN COMMENTO