Lorenzo Crespi, AresGate: “Il vostro silenzio da una vita è una vergogna”

Continuano le indiscrezioni sulla vicenda AresGate che coinvolge molti Vip, dalla TV, al Cinema

Lorenzo Crespi, AresGate, news. La vicenda dell’AresGate sembra destinata a non finire. Tutto ha avuto inizio all’interno della casa più spiata d’Italia, quella del Grande Fratello Vip, dove Adua Del Vesco e Massimiliano Morra confidandosi fra di loro hanno fatto trapelare le vicissitudini patite da loro e da altri volti famosi.

Molti i vip che hanno mostrato solidarietà ai due ed in particolar modo ad Adua Del Vesco, come la lettera aperta di Gabriel Garko proprio a quest’ultima.

AresGate, Lorenzo Crespi: “Uomini potentissimi, politici…”

lorenzo crespi aresgate, lorenzo crespi,
Lorenzo Crespi, AresGate: “Il vostro silenzio da una vita è una vergogna”

Sulla vicenda dell’AresGate stavolta, unendosi a molti suoi colleghi, è Lorenzo Crespi a parlare rilasciando una dichiarazione che fa venire i brividi: “La storia di Adua è una storia triste, orrenda, vera, che inizia verso la fine degli anni 80, inizio anni 90. Coinvolge tutti, trent’anni di Mediaset, fiction, spettacoli, uomini potentissimi, politici…l’unica cosa che vi chiedo è gentilmente se iniziate ad indagare fate sì che questa ragazza quando esce dal GF VIP venga messa subito sotto protezione, perché potrebbe essere in pericolo”.

Lorenzo Crespi, AresGate: “Lucifero ne ha fatte di tutti colori…”

Questo signor Lucifero ne ha fatte di tutti colori ma era coperto dalla solita famiglia…la sua produzione era una lavatrice…” ha poi continuato citando nomi importanti: “Se fossi un giudice vorrei chiedere una cosa alle creazioni di questo Lucifero…Gabriel Garko, Eva Grimaldi Pamela Prati, Valeria Marini e altri…siete sicuri che voi su questa storia non sapete nulla? Il vostro silenzio da una vita è una vergogna!”,

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.