Si è svolto a nel comune di Narzole (Cuneo) il matrimonio fra l’irremovibile senatore leghista Roberto Calderoli e la sua inseparabile militante e bellissima Gianna Gancia. Come riportato dal settimanale Oggi, Calderoli non ha tradito nemmeno al matrimonio la sua fede leghista, indossando un abito scuro ed un’elegante cravatta verde a righe nere. Gianna ha indossato un magnifico tubino avorio sotto il ginocchio, un cappello a larghe falde, tre fili di perle e un bouquet di fiori bianchi.

Roberto-Calderoli-matrimonio-foto
Roberto Calderoli e Gianna Gancia

Durante la cerimonia c’è stato anche un momento altrettanto emozionante, fin quasi alle lacrime, quando il figlio quindicenne di Gianna, Gianpiero, si è alzato e ha preso la parola: “Forse preferireste un figlio che studiasse da solo e non avesse bisogno di tante ripetizioni, ma vi voglio bene.”

Una curiosità: l’irriducibile Calderoli ha dovuto lasciare carta bianca all’altrettanto fermezza della sposa, che ha scelto direttamente tutti i testimoni, il fratello Paolo, le zie Adriana e Graziella e l’amica Gabriella. Il settimanale riporta poi anche una curiosità sul momento in cui i due sposi si sono incontrati per la prima volta. Era il 2001 e Calderoli si presentò a Cuneo per un comizio, ma non avverti la sede provinciale della lega. Finito il comizio si trovò di fronte Gianna, che lo riprese in modo netto: “Adesso faccia il favore di passare a salutare i militanti in sezione, così non si fa.”
Ora, dopo 14 anni, sono teneramente convogliati a nozze.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here