Eppure il Principe Harry finora ci ha sempre fatto sorridere. Invece qualche giorno fa è  arrivato  in un ristorante famoso, il Kesgrave Hall, dell’esclusiva catena Milsom, a Kesgrave, vicino Ipswich, nel Suffolk, e gli altri clienti sono costretti ad andare via. Il motivo? Il reale vuole mangiare in santa pace! E’ polemica in Gran Bretagna. Ai commensali a cui è stato chiesto di alzarsi per permettere al secondogenito di Carlo d’Inghilterra di gustare le pietanze con amici e tre guardie del corpo nella più completa privacy quel che è accaduto non è proprio andato giù.


“Inizialmente, tutti erano eccitatissimi all’idea di vedere Harry da vicino – ha spiefferato un cliente al Daily Star – Non capita davvero tutti i giorni di poter cenare con un membro della famiglia reale come vicino di tavolo. Ma poi ci hanno detto che se volevamo mangiare dovevamo spostarci di fuori, all’aperto, perché Harry e il suo gruppo avevano ricevuto un trattamento speciale ed era stato riservato loro un intero piano, malgrado il ristorante non accetti prenotazioni. Ma era una serata fredda e nessuno era felice di questa soluzione. Non bastasse, Harry non ha nemmeno usato tutti i tavoli a disposizione e ne ha lasciati tre vuoti”.
Secondo il tabloid, il principe Harry, che sta completando il tirocinio sugli elicotteri Apache nella vicina base militare di Wattisham Airfield, sarebbe arrivato al Kesgrave Hall martedì 23 agosto alle 19. Con lui un uomo e una donna sui 30 anni e alcuni bodyguard. Si sarebbero trattenuti per circa tre ore per poi lasciare il locale. Con gli altri clienti a guardare…

I  reali che conoscono e usano l’esposizione ”pubblica” oltre che mediatica, sebbene siano stati ripresi in molti momenti della loro vita (e non sempre “ripresi di sorpresa”), oggi nascondono un pasto consumato tra amici?  Mangiare è da sempre un atto di socialità, consumare il pasto in compagnia, gustando i piaceri dell’amicizia in tavola, testimonia convivialità e essere conviviali significa essere ricchi e sani, gioiosi e felici.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here