Le prime dichiarazioni di Fabrizio Corona: “il carcere ti cambia, sono un uomo che vale cento volte di più”

Abbiamo seguito la vicenda del caso Corona fino alla scarcerazione di Fabrizio, rispetto alla quale si è tanto parlato in questi giorni. Abbiamo sentito diverse opinioni e assistito a reazioni differenti: da quella critica di Nina Moric, a quella assente di Belen Rodriguez fino a quella entusiastica e felice di mamma Gabriella. Il pubblico ha espresso il suo supporto al ritorno di Fabrizio e il diretto interessato ha dato i primi segni del suo ritorno alla vita libera attraverso alcuni selfie su Instagram, accompagnati dall’hashtag #sipuede. La condizione per l’uscita dal carcere, però, è l’affidamento alla Comunità Exodus di Don Antonio Mazzi. Il resto della pena, ovvero i prossimi cinque anni, saranno scontati da Fabrizio nella suddetta comunità nella quale sarà impegnato in diversi servizi sociali. Ma rispetto alle condizioni della prigione e alle conseguenze che questa aveva sul suo stato psicologico e fisico, di certo si tratta di una conquista più che notevole. L’affidamento all’Exodus è per i primi sei mesi una prova per valutare la condotta di Corona. Passato questo periodo, il tribunale valuterà se estendere o meno la sua permanenza lì. L’unico motivo per il quale Fabrizio potrà allontanarsi dalla sua comunità saranno i lavori in esterna, ma per nessun altra ragione potrà lasciarla. La grande consolazione, però, è la libertà di ricevere visite da amici e parenti, che sono intenzionati ad aiutare Corona nella sua fase di ripresa.

Fabrizio Corona news
Fabrizio Corona (foto Instagram)

Fabrizio Corona lavora sul fisico e sulla mente nella Comunità di Don Antonio Mazzi

L’avvocato dell’ex-fotografo, Ivano Chiesa, ha suggerito a Fabrizio di tenersi lontano dalle finestre della comunità per evitare scatti rubati. Il consiglio, quindi, è quello di non esporsi troppo a livello mediatico. Niente di male in un selfie in palestra, quindi, ma senza esagerare. Corona deve concentrarsi su se stesso ed impegnarsi nel servizio sociale: questi sono i suoi unici pensieri. Stando ai primi confronti con Chiesa, Fabrizio si troverebbe davvero molto bene nella Comunità, con la sua stanzetta, il notebook e gli altri otto ragazzi lì stanziati. Ha condiviso un dettaglio più allegro parlando di ciò che ha mangiato: il suo primo pasto, preparato da Michele che ha imparato a cucinare in carcere, sono state delle pennette integrali. “Ci teniamo in forma”, ha detto. In merito al passato e al suo cambiamento di prospettiva ha invece detto:

Il carcere ti cambia. Sono un uomo che vale cento volte di più. Io vivevo a duemila, avevo una moglie come Belen, le serate all’Hollywood, poi entri in carcere e trovi storie umane che ti resettano completamente. Mi guardavano a vista, per paura di gesti autolesionistici. Avevo fondato una squadra di calcio, i Corona’s. Stavo in porta, non ero male. Ho dato a tutti una maglietta della Corona’s . Poi il direttore non ha voluto“.

Fabrizio Corona tossicodipendente? E’ un capitolo chiuso

E ha poi continuato, con un forte senso di autocritica:

Tre anni fa ero tossicodipendente. Avevo in banca milioni di euro e sono stato arrestato perché ho usato una banconota falsa. Ma vi sembra il comportamento di uno lucido?

Si risolleva, quindi, la questione dell’abuso di droghe che, a detta di Fabrizio, è una questione ormai chiusa. Le allusioni di Lele Mora e Nina Moric avevano fatto intendere il contrario, ma sembra che l’unico vizio rimasto a Corona sia quello delle sigarette.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.