Emma Marrone: Racconta a “Gioia” la sua lotta contro il cancro

“Oggi è il mio secondo anniversario di vita”. Lo dice raggiante la cantante Emma Marrone, seconda a Sanremo con i Modà e in testa alle classifiche con l’album “A me piace cosi'” . In un’intervista esclusiva a Gioia, la cantante racconta la sua vittoria più importante: quella contro un cancro all’utero che l’ha colpita qualche anno fa. Fino ad ora lo aveva confessato solo a Maria De Filippi: “Non era il momento giusto. Sarei passata per una vittima”.



Emma invece per carattere la parte della vittima proprio non vuole farla. “Io invece voglio testimoniare – spiega -. Alle ragazze, le fan, voglio dire: non sono un mito, vivo sotto le vostre stesse nuvole. sono stata graziata e sento di dover seguire le ragazze. I loro problemi sono i miei”. Il perche’? “Hanno comprato 150mila copie dei miei dischi e non me ne interesso? Ho i loro soldi in tasca, mi ascoltano e io li devo ascoltare. Non riesco a non farlo. Leggo le loro e-mail e rispondo, a tutti. E’ il dazio che pago. “Alle ragazze e alle madri che le scrivono dei loro problemi Emma dice: “Ragazze, non sono la vostra cura. Io voglio essere la colonna sonora della vostra guarigione”.



E a propoisto di guarigione, la cantante racconta la sua vicenda, iniziata quasi sei anni. “E’ una storia lunga che inizia nel 2005 quando la nonna si ammala – spiega – . Un giorno mentre le massaggio le gambe, mi guarda serissima negli occhi e dice: ‘Emma domani torno a casa, ma non da viva. Ascoltami, io l’ho visto: tu devi fare la cantante’. Le dico di smetterla, la conforto e vado via. L’indomani lei muore con un sorriso sulle labbra”.


La storia ovviamente non finisce qui. “Con la mia band, i M.j.u.r, registriamo a Torino un disco autoprodotto – prosegue -. Per un anno facciamo su e giù sui treni di notte, siamo morti di fame per amore della musica. Esce il disco e piace, ci chiamano per i concerti ed e’ pronto un minitour. Il minitour non parte mai perche’ io comincio a star male. Sono sempre stanca, si bloccano alcuni funzioni vitali, non mangio, arrivo a 40 chili, sento un peso enorme dentro di me. I medici scoprono che nell’utero ho una grande massa. Tumorale. E maligna. Sono operata d’urgenza a Roma. L’intervento dura sette ore e riescono a salvarmi l’utero. Quando mi sveglio ho un lungo taglio, ma sono già un’altra persona”.


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.