Francesca Brienza, volto conosciuto della televisione italiana, grazie alla sua simpatia e professionalità nell’ambito calcistico e dell’informazione, che l’ha portata ad essere una delle protagoniste del programma Mediaset Tiki-Taka, condotto da Pierluigi Pardo, racconta a Gente Vip i ricordi di Miss Italia, le prime trasmissioni radiofoniche, le sue esperienze in televisione con le grandi sit-com in prima serata ed il suo amore per Rudi Garcia. Francesca Brienza non nasconde di avere nuove ed interessanti proposte lavorative in corso, ma sottolinea: “voglio scegliere con calma per continuare a fare sempre al meglio ciò che comincio“.

Francesca Brienza: la giornalista sportiva si racconta a Gente Vip
Francesca Brienza

Francesca Brienza: “A Tiki-Taka mi diverto perché posso essere me stessa”

Hai iniziato a soli 23 anni ad interessarti del mondo televisivo e calcistico lavorando per la Gold Tv, Roma Uno e Radio Incontro fino ad approdare a Roma Tv. Ricordi la tua prima messa in onda?

Francesca Brienza intervista esclusiva a Gente Vip
Francesca Brienza

In verità all’inizio della mia carriera radiofonica e televisiva non mi occupavo di sport ma di intrattenimento, anche se le reti e le emittenti in cui ho lavorato erano principalmente incentrate sul calcio! Si può dire che di riflesso ho sempre lavorato in ambienti calcistici e non mi ha mai disturbato questo aspetto, considerando che son sempre stata tifosa romanista. Certo, a quel tempo non potevo immaginare che il lavoro mi avrebbe portata fino a Roma Channel (poi Roma Tv). Condurre sul canale della propria squadra del cuore è un privilegio che rispetto e onoro tutti i giorni. Quella che considero la mia prima vera diretta televisiva, è stata su GOLD TV come conduttrice di un reality. Ricordo che, cosa piuttosto sorprendente, non ero per niente agitata! In effetti, anche in seguito, non ho quasi mai sentito addosso la pressione delle telecamere. Penso che questo sia un vantaggio per chiunque faccia il mio stesso lavoro.

Hai recitato in fiction come Don Matteo, I Cesaroni e Un medico in famiglia, collaborando con grandi artisti del cinema e della televisione italiana: con quali attori ti sei divertita di più?

Sono state tutte e tre delle bellissime esperienze di gioventù. La prima in assoluto è stata quella con Claudio Amendola e Max Tortora nella famosa bottega dei Cesaroni. Condividere per la prima volta il il set con loro è stato divertentissimo. Tra l’altro, recitavo la parte di una ragazza che da bambina giocava a calcio (i casi della vita!). Anche a Don Matteo in compagnia del grande Frassica ho passato due giornate molto piacevoli, imparando anche quanto sia rischioso il ruolo della controfigura, visto che il mio personaggio finiva morto cadendo in un burrone! Posso confermare che sono state entrambi simpatiche parentesi della mia carriera, ma mai dire mai!

Cosa ricordi di quell’esperienza televisiva?

La recitazione mi è sempre piaciuta. Per molto tempo mi sono occupata anche di Teatro (poche volte in scena, molte dietro le quinte a organizzare) ma ho capito quasi subito che la conduzione mi appagava molto di più. Mi piace quando il risultato di ciò che faccio è immediato, cosa che accade molto più quando sei live in conduzione piuttosto che su un set dove i tempi per girare le singole scene sono davvero molto lunghi, a volte strazianti. Quelle poche volte che son stata sul set non mi son mai fatta mancare un libro in borsa per non sprecare i tempi di attesa!

Nel 2006 hai indossato la fascia di Miss Basilicata nel concorso di Miss Italia. Cosa ricordi di quei momenti?

I ricordi più belli di quell’esperienza sono legati alla mia famiglia. Abbiamo passato un mese in tour per tutti i paesi della Basilicata, abbiamo vissuto momenti speciali, in simbiosi, giorni stancanti ma pieni di emozioni. Non smetterò mai di ringraziare mio padre per tutti i km che ha percorso per me sera dopo sera fino a raccoglierne i frutti insieme il giorno della mia premiazione. Sono stata eletta Miss Volto Deborah Basilicata. E considerando che io somiglio totalmente a mio padre… abbiamo vinto decisamente in due!

Il concorso è legato anche alla tua bellezza; hai ancora occasione di sfilare come modella?

Non più, ormai l’età avanza e il fisico non è più asciutto come una volta! Adesso è molto più probabile che mi invitino come testimonial o madrina. La cosa non mi dispiace! Non ho mai nascosto di essere di buona forchetta. Le mie origini meridionali mi hanno insegnato, tra tanti principi, quello di saper apprezzare i piaceri della tavola. Rigorosamente condivisi con famiglia e cari amici!

Hai seguito la finale degli Us Open tra la Vinci e la Pennetta, con la vittoria di quest’ultima? Come l’hai vissuta?

Orgogliosa in quanto italiana. Battere Serena Williams è stata una grande impresa! Non tifavo per una delle due in particolare fino agli ultimi minuti quando mi son detta “la Vinci può fare il miracolo”. Ma la vittoria della Pennetta è stata più che meritata!

Come vivi il tuo rapporto col mondo calcistico?

Francesca Brienza intervista
Francesca Brienza intervista

Molto bene. Sono cresciuta con mio padre che tifava la grande Inter e la magica Roma (classica storia di un meridionale che a 25 anni si trasferisce nella capitale!). Sicuramente lavorare nel mondo del calcio ti porta a conoscere gli uomini in una veste molto diversa da quella a cui noi donne siamo abituate. C’è il complimento, ma pensare che la rivalità esista solo tra persone dello stesso sesso è sbagliato! Il calcio è sempre più una lingua universale e a me piace pensare che un giorno anche le donne che parlano di calcio potranno avere la stessa credibilità degli uomini. Purtroppo è ancora convinzione di molti che “se a calcio non ci hai giocato, non puoi capire!”

Avere il fidanzato come l’allenatore della Roma Rudi Garcia influisce sul tuo lavoro?

Per niente. Siamo due professionisti , amiamo il nostro lavoro e lo rispettiamo.

Qual è il complimento più bello che ti ha fatto per il tuo lavoro?

Un complimento che ho gradito molto, per niente scontato. Ma lo tengo per me!

Come ti trovi ad essere presente nella trasmissione di Italia 1 Tiki Taka?

Pier Pardo è stato molto convincente. Quando ho deciso di passare nella sua squadra, lasciando il Processo del Lunedì, ho preso in parola quello che mi aveva detto: “ti troverai bene, ti divertirai e potrai essere te stessa”. Sta accadendo esattamente questo!

Qual è il tuo rapporto con Melissa Satta e il conduttore Pierluigi Pardo?

Con Melissa ci siamo solo scritte ma ancora non conosciute di persona. Per quel posso dire, in diretta emerge che c’è simpatia reciproca. E’ una bellissima donna e ascoltarla è piacevole. Pier è un tornado, ha totalmente rivoluzionato la figura del conduttore, soprattutto quello sportivo. A me piace il suo “live style”. Mi rispecchio molto nel suo approccio con la gestione di una diretta. Anche io ho sempre preferito la naturalezza all’impostazione. Lui è esattamente quel che vedete tutti i lunedì in puntata. Interpreta se stesso!

Ci racconti come si svolge la giornata di una giornalista sportiva?

Molto dinamica anche se c’è poco tempo per fare sport e per prendersi cura di se, purtroppo! Sul canale giallorosso mi occupo principalmente di conduzione (dirette live e rubriche), ma sono presente come tutti i colleghi alle riunioni che si fanno durante la giornata per impostare le dirette news del giorno, fino alle 20.30. Passo più ore in redazione che a casa, questo è certo!

Francesca Brienza e la musica: quali sono i tuoi cantanti preferiti?

La musica italiana la ascolto un po’ tutta con piacere ma nella mia playlist non può mancare mai Battisti, Baglioni, Vasco e “Canzone” di Lucio Dalla. Negli ultimi anni però seguo molto le note alternative di Alessandro Mannarino e Capossela. Su quella straniera vado a seconda dei momenti, a volte sono da U2 altre addirittura da Jennifer Lopez!

Dopo giornate di lavoro stressanti davanti le telecamere si pensa anche al meritato riposo. Come trascorri le tue serate in relax? E il fine settimana?

Francesca Brienza intervista esclusiva a Gente Vip 1
La giornalista sportiva Francesca Brienza

Quando si parla di relax per me si intende solo il divano, una fioca luce accesa in sala, la tv che proietta un bel film o e il libro che sto leggendo mentre sorseggio una tisana o mangio cioccolata fondente. Al massimo cedo tutto per un bel massaggio in una Spa! Il fine settimana negli ultimi anni lo dedico soprattutto alla famiglia visto che non riesco più ad essere presente come prima, ma non ho mai rinunciato alle mostre che mi piacciono, ai concerti, ai musei. Ma anche alle cene con gli amici e le partite di calcio della Roma!

Stai valutando nuove proposte lavorative o hai nuovi progetti in corso?

Sì, in effetti. Proposte interessanti e stimolanti. Ma voglio scegliere con calma per continuare a fare sempre al meglio ciò che comincio. Amo molto il mio lavoro e anche se a volte si è tentati di percorrere più strade, alla fine preferisco sempre continuare a concentrarmi sulla conduzione, in attesa di condurre un programma di intrattenimento tutto mio in cui si parla di viaggio, esperienze e tradizioni.. un sogno che ho scritto e depositato nel cassetto molto tempo fa!

LASCIA UN COMMENTO