Leonardo Di Caprio è stato sin da giovanissimo sempre attento alle esigenze dell’ambiente e della natura, tanto che qualche anno fa produsse il documentario “The 11th Hour”, nato proprio da una sua idea in cui si spiegavano le bellezze che il nostro ambiente senza un’attenzione e una cura adeguata rischia di perdere per sempre. Sensibilizzazione e attività di beneficenza sono infatti anche protagoniste indiscusse dei suoi post sia su Twitter che Facebook: insomma un attore che parla ma che agisce anche, come dimostra la sua donazione al WWF.

Leonardo Di Caprio salva le tigri in Nepal
Leonardo Di Caprio ha donato 3 milioni dollari per aiutare a salvare le tigri in Nepal

Tre milioni di dollari sono la grandissima cifra che Leonardo Di Caprio ha versato nelle mani del WWF perché salvi le tigri in Nepal: con questi fondi infatti l’obiettivo è quello di aumentare il numero di tigri in Nepal a rischio estinzione, a causa del bracconaggio illegale che lentamente ne sta distruggendo l’habitat naturale. Nasceranno con questi fondi della pattuglie anti-bracconaggio e delle aree protette in cui permettere alle tigri di poter ricostituire la loro specie, e Di Caprio crede fermamente nel progetto.
“Fiducioso che il denaro aiuterà a superare l’obiettivo di raddoppiare la popolazione delle tigri in Nepal”, così si è espresso l’attore circa il suo gesto supportato anche dalla Fondazione DiCaprio, che nasce proprio con lo scopo di proteggere gli ultimi luoghi selvaggi della terra e favorire un rapporto armonioso tra l’umanità e il mondo naturale. Al momento la fondazione ha racconto ben 38,8 milioni di dollari, che corrispondono alla cifra di 23, 9 milioni di euro grazie a diverse donazioni e all’asta d’arte di Christie tenutasi a New York. Positivo anche il presidente del WWF Carter Roberts su i risultati raggiunti dalla fondazione DiCaprio: “La fondazione DiCaprio fornisce risultati concreti per la conservazione e il rafforzamento delle comunità locali: nulla è più evidente che in Nepal”.

Vedi anche : Marika Fruscio foto Calendario 2014

LASCIA UN COMMENTO