La gravidanza non ha affievolito il carattere impetuoso di Carla Bruni. La première dame di Francia ha infatti fatto sapere attraverso il suo portavoce che intende chiedere i danni al settimanale francese Gala per la pubblicazione di una immagine che la ritrae assieme alle mogli dei marinai impegnati da molti mesi al largo della Libia a bordo delle fragate Charles-de-Gaulle e Tonnerre.

L’incontro, avvenuto il 14 luglio scorso, come racconta il sito del quotidiano locale Nice Matin si è svolto in modo informale. Le mogli dei marinai sono state accolte con calore dalla moglie del Presidente Nicolas Sarkozy che ha offerto loro dei macarons definendole “donne coraggio”. Secondo la Bruni l’immagine che la ritrae con le signore, peraltro decisamente innocente, era stata scattata per Nice Matin e doveva restare confinata sul quotidiano locale e non pubblicata sul numero di Gala, che definisce pettegolo. Gala ha dedicato la copertina alla gravidanza di Carlà con il titolo “Vivo una gioia insperata”, pubblicando un’intervista e le immagini “incriminate”.

Immediata la risposta di Gala che sul suo sito pubblica la notizia: “Apprendiamo con stupore del malinteso riguardante le immagini di Carla Bruni Sarkozy pubblicate da Gala questa settimana” inizia il comunicato, e continua spiegando che il servizio fotografico e l’intervista sono stati regolarmente acquistati dall’agenzia Max PPP che si occupa di stampa regionale. Il servizio non aveva nessun tipo di restrizione per l’utilizzo e quindi il settimanale lo ha pubblicato in buona fede. Ora si attende la controreplica di Carlà.

LASCIA UN COMMENTO