Paura per Al Bano. Il cantante è stato ricoverato nella notte per un malore, che poi si è rivelato essere un’ischemia celebrale. Un periodo nero per Al Bano.

News: Secondo quanto rivelato da Mediset, il cantante di Cellino Al Bano è stato ricoverato nella notte per una leggera ischemia celebrale (ictus). Dopo i problemi cardiaci sopraggiunti nel dicembre del 2016, di nuovo un malore per il cantautore.  Carrisi stava tornando a casa da Porto Sant’Elpidio, nelle Marche. Si trovava in compagnia di un suo collaboratore, quando ha iniziato a sentirsi male. Per sottoporsi a degli accertamenti, si è fatto accompagnare al Policlinico di Bari. Secondo le voci che provengono dal policlinico del capoluogo pugliese, si tratterebbe di una piccola ischemia transitoria.

News, Al Bano Carrisi (Foto Instagram).

Paura nella notte per Carrisi: il cantante di Cellino ricoverato nella notte per un Ictus.

Nella notte, il cantante avrebbe lasciato il Policlinico di Bari per essere portato all’ospedale Vito Fazzi di Lecce. Attualmente, Carrisi si trova nella Stroke Unit, un particolare reparto dedicato alle cure di ictus e problemi ischemici in generale. A trovare l’ex compagno a Lecce anche Loredana Lecciso, che sarebbe stata avvistata poche ore dopo il ricovero di Carrisi.

News, Al Bano Carrisi

Attualmente, le condizioni del cantante di Cellino non desterebbero nessuna preoccupazione. Pochi giorni prima di Natale, il cantante si era sottoposto ad un’operazione a causa di problemi cardiaci, che in ogni caso non gli ha impedito di presentarsi come concorrente al Festival di Sanremo 2017, appena due mesi dopo. Noi porgiamo i migliori auguri di pronta guarigione ad Al Bano.

close

Iscriviti alla NewsLetter

Rimani aggiornato sulle ultime notizie pubblicate da GenteVip

Manteniamo i tuoi dati riservati e condividiamo i tuoi dati solo con terze parti che rendono possibile questo servizio. Leggi la nostra politica sulla privacy.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.