Madre di quattro splendidi figli, Sara, Giovanni e i gemelli Chiara e Giorgio, la showgirl Lorella Cuccarini si sente pronta a esprimere il suo parere riguardo le madri che affittano il loro utero alle coppie sterili e lo fa, con grande convinzione durante la puntata di sabato 19 dicembre ospite a Verissimo.

Lorella-Cuccarini-ospite-a-Verissimo-puntata-del-19-dicembre-2015-1024x681
Lorella Cuccarini ospite a Verissimo

A cinquant’anni rivendico la possibilità di esprimere il mio punto di vista. Sono sempre stata favorevole alle unioni civili, ma per quanto riguarda i figli sono contraria alla maternità surrogata, sia per le coppie etero che per le coppie omosessuali. I figli non sono un diritto ma un dono. Devono poter conoscere i propri genitori e con l’utero in affitto questo non è possibile. Inoltre, con l’affitto dell’utero si apre un mercato inaccettabile di donne che, per necessità economica, accettano di affittare il proprio utero“.

Lorella Cuccarini: “Ho imparato a non avere pudore, ad essere spudorata nella trasparenza

Lorella-Cuccarini-ospite-a-Verissimo-puntata-del-19-dicembre-2015-foto-199x300
Lorella Cuccarini e Silvia Toffanin

Nel salotto pomeridiano di Silvia Toffanin Lorella Cuccarini dichiara apertamente la sua avversità verso la maternità surrogata e dice no all’utero in affitto, poiché secondo lei la maternità non è un egoistico diritto, ma semplicemente un dono che si deve accogliere. Proprio per questo diventa un avvenimento speciale solo quando c’è un reale concepimento ed è frutto dell’amore tra due persone. La sua non vuole essere una polemica contro le coppie omosessuali, anzi, è un discorso relativo solo alla scelta di avere figli e di mettere in primo piano i bambini e il loro bisogni. Per questo è molto importante che ogni bambino conosca la propria madre e il proprio padre, e che non sia in nessun caso una merce di scambio.

Io ho detto al Family day: i figli non sono un diritto e non si comprano. Sì, condivido questo pensiero, nell’utero in affitto i bambini non conosceranno mai i genitori biologici, diversamente da un bambino adottato. Credo che sia inconcepibile che una donna accetti di abbandonare un bambino che ha portato in grembo per nove mesi. Bisogna rispettare chi la pensa diversamente da me ma è giusto che anche io possa dire quello che penso“. Le affermazioni della Cuccarini, icona degli anni ’80, sono molto decise e sicure, soprattutto perché legate a una profonda fede credente.

Ho avuto una mamma meravigliosa, che purtroppo è scomparsa troppo presto a 65 anni, e io e i miei fratelli eravamo legatissimi anche perché papà se ne è andato molto presto. Mamma Maria faceva la sarta, bravissima, nell’alta moda, io la sento e penso che adesso ho un rapporto con lei, diverso ma la sento vicina. Quando mia figlia si è laureata, il pensiero che mia madre non l’avesse vista, anche se so che c’era… ” – ed è da queste parole colme di commozione che si capisce come la showgirl concepisce la figura materna. Ed ecco un lato inedito di Lorella: “Sai Silvia, ho imparato a non avere pudore, ad essere spudorata nella trasparenza, a cinquant’anni capisci che te lo puoi permettere”.

Lorella Cuccarini e il presunto litigio con la Carrà: “Raffaella è tuttora il mio mito…”

La bionda più amata dagli italiani ha anche chiarito la storia sul presunto litigio con Raffaella Carrà, nato dalla sua esclusione dal programma Forte Forte Forte. “E’ partito tutto da un tweet che riprendeva una lettera, volevo condividere uno stato d’animo, era uscito che avrei fatto parte del cast di un programma e pensavo di dover precisare delle cose. Raffaella Carrà è tuttora il mio mito, ma non mi sono pentita della lettera che ho scritto. Mi sono sentita ferita e ho voluto condividere il mio stato d’animo con il pubblico, non pensando di creare tutto quel caos” – precisa Lorella.  La Toffanin le chiede se dopo la discussione si fossero risentite. “No, non ci siamo più sentite.” – dichiara decisa la showgirl.

Lorella Cuccarini è felicemente sposata da 24 anni con il marito Silvio Testi e sono una delle coppie più amate e resistenti del panorama televisivo.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here