La grande fiction italiana torna questa sera su Rai Uno. Lunedì 15 e martedì 16 febbraio, in prima serata, ci sarà la mini serie in due puntate dal titolo “Io non mi arrendo“, con Beppe Fiorello tra i protagonisti.

Si tratta, per l’appunto, di una nuova avventura televisiva targata Rai Fiction, dedicata all’impegno sociale dove troviamo protagonista Beppe Fiorello. Questa volta l’attore siciliano vestirà i panni di un poliziotto morto di tumore dopo aver indagato, per decenni, sull’atterramento dei rifiuti tossici tra il Lazio e la Campania.

Beppe Fiorello torna con la serie “Io non mi arrendo”
Beppe Fiorello a Domenica In

Il poliziotto Roberto Mancini è un vero e proprio pioniere nella lotta alle ecomafie” ha dichiarato l’attore Beppe Fiorello che vestirà i panni dell’investigatore Marco Giordano “È una storia necessaria da raccontare ai giovani, per far conoscere alle generazioni presenti e future quegli italiani capaci di donare la propria vita per la verità“. Per quel che riguarda la mini serie “Io non mi arrendo”, con la regia di Enzo Monteleone, è stata girata in Puglia.

Beppe Fiorello è l’investigatore Marco Giordano, figura liberamente ispirata al poliziotto Roberto Mancini. Si tratta di un film con molte scene poliziesche, una vicenda che racconta la vita personale del personaggio, come il matrimonio con Monika e la nascita della prima figlia. La vita privata è stata ricostruita grazie alla moglie di Mancini. Quindi la storia della sua malattia, che lo accomuna alle tante persone ammalatesi di cancro a causa dei rifiuti tossici. Quelle stesse persone che il poliziotto aveva incontrato durante le sue ricerche, con le quali aveva parlato e dalle quali aveva raccolto testimonianze, che ora sono anch’esse affette da gravi malattie.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here