Serie A Tim, la settima giornata del campionato italiano ha dato alcune conferme e regalato qualche sorpresa in più; il ricco menù calcistico si è aperto sabato pomeriggio allo stadio Olimpico, dove la Roma ha vinto 3-0 (con le reti di Mattia Destro, Adem Ljajic e Francesco Totti su rigore) contro il Chievo Verona di Eugenio Corini, esonerato subito dopo la sconfitta e sostituito da Rolando Maran. I giallorossi, archiviate le polemiche post Juventus, hanno portato a casa i tre punti riducendo le distanze dai bianconeri primi in classifica a 19 punti, contro i 18 dei romanisti. La squadra di Massimiliano Allegri, infatti, ha ottenuto il risultato di 1-1 contro il Sassuolo, passato per primo in vantaggio grazie alla rete di Simone Zaza (nuova stella della nazionale di Antonio Conte) fino al pareggio bianconero del francese Paul Pogba.

Serie A Tim 2014 settima giornata: La Roma a un punto dalla Juve
Roma e Juve in testa alla classifica, settima giornata campionato Serie A Tim 2014

Serie A Tim settima giornata di campionato – Dietro alle due regine del campionato italiano, che martedì e mercoledì affronteranno Bayern Monaco e Olympiakos in Champions League, c’è la Sampdoria che non è riuscita ad andare oltre il pari (2-2) con il Cagliari (prima la squadra di Sinisa Mihajlovic è passata in vantaggio grazie alla rete del solito Manolo Gabbiadini, dopo i blucerchiati si sono portati sul 2-0 con Obiang; ma la squadra sarda ha agguantato il pari con i gol di Avelar su rigore e Sau).
Sale questa settimana al quarto posto in classifica il Milan: i ragazzi di Filippo Inzaghi escono dallo stadio Bentegodi vincendo contro l’Hellas Verona 1-3, grazie alla grande prova di Keisuke Honda. I rossoneri hanno vinto la partita tramite un’autorete del calciatore del Verona Marquez, poi è arrivata la doppietta del centrocampista giapponese e a chiudere il match la rete del giovane Nico Lopez.
L’attaccante asiatico, in evidente crescita nelle ultime giornate (autore di una rete su punizione anche contro il Chievo), adesso è primo nella classifica marcatori con lo juventino Carlos Tevez (6 reti dopo sette giornate).
A perdere posizioni: l’Udinese guidata da Andrea Stramaccioni, sconfitta dal Torino che ha vinto per la prima volta in casa, con la rete vincente proprio dell’ex della partita Fabio Quagliarella (1-0).

Il match più impensato è stato quello giocato al Franchi di Firenze, dove a sorpresa la Lazio è riuscita a portare a segno una vittoria molto importante contro la squadra viola dell’ex romanista Vincenzo Montella (0-2). Alle 12.30 i biancocelesti con una grande prova della scoperta del campionato Filip Djordjevic sono andati in vantaggio contro la Fiorentina, chiudendo definitivamente la partita al 92esimo con la rete del bosniaco Senad Lulic.
A concludere il ricco programma delle partite di domenica pomeriggio: l’Atalanta che ha vinto quasi alla fine del match, nei minuti di recupero con Boakye, autore di una rete in extremis ai danni del Parma (1-0); senza dimenticare la vittoria del Palermo sul Cesena (nell’ordine Dybala, Rodriguez e Gonzalez quest’ultimo che ha chiuso al 92esimo il match a favore dei rosanero), così la squadra di Maurizio Zamparini si è allontanata dall’ultimo posto lasciato alla squadra di Donadoni insieme proprio alla squadra di Bisoli.
La serata della settima giornata è stata arricchita dal pareggio a Milano dell’Inter di Walter Mazzarri contro il Napoli di Rafa Benitez, uno scontro tra ex allenatori, il toscano ex della squadra partenopea (oltretutto espulso durante il match) e lo spagnolo ex dei nerazzurri (prima segna al 79esimo Callejon, pochi minuti e pareggia l’interista Fredy Guarin al minuto 82, di nuovo il centrocampista spagnolo del Napoli porta in vantaggio la sua squadra al 90esimo  e infine a sistemare i conti un minuto dopo ci ha pensato il brasiliano Hernanes).
Il match del lunedì sera, giocato alla stadio Ferraris, tra Genoa e Empoli è  finito in parità: al 14esimo Andrea Bertolacci segna con un sinistro dal limite e al 78esimo minuto Tonelli giocatore della squadra toscana pareggia, probabilmente aiutandosi con il braccio, provocando le proteste della squadra ligure.
Si aspetta già, nel frattempo, la prossima giornata di campionato che si giocherà a partire da sabato 25 ottobre e che vedrà impegnate Empoli-Cagliari (ore 15), Parma Sassuolo (ore 18) e infine Sampdoria-Roma (ore 20.45). La domenica 26 prevede invece: Chievo Verona-Genoa, Juventus-Palermo, Udinese-Atalanta (ore 15); Cesena-Inter; Lazio-Torino; Napoli-Hellas Verona (ore 18); Milan-Fiorentina (ore 20.45).

Serie A Tim settima giornata classifica – Intanto la classifica è cambiata rispetto alle giornate precedenti, la Juventus è sempre prima a 19 punti raggiunta dalla Roma a -1 (18 punti) segue la Sampdoria a 15 punti, mentre il Milan aspetta sperando di poter raggiungere il terzo posto con 14 punti e quindi a un punto sotto la squadra ligure; l’Udinese con 13 punti, Lazio 12 punti, Napoli e Hellas Verona 11 punti, Fiorentina e Inter a 9 punti. Il Genoa insieme al Torino stanno a 8 punti, lasciando alle loro spalle l’Atalanta con 7 punti, e a sei punti si trovano in tre: Empoli, Palermo e Cesena. Dopo il Cagliari a 5 punti, chiudono nella parte bassa della classifica a 4 punti il Chievo Verona e il Sassuolo e ultima in solitaria a sorpresa a 3 punti il Parma.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here