Vittorio Sgarbi, dopo il flop clamoroso di “Ci tocca anche Sgarbi”, finita L’Arena di cui è stato spesso opinionista, va ospite a Domenica Cinque da Brachino. L’accoglienza in studio è creata in modo da esaltare il conduttore: quell’esaltazione che gli è mancata su RaiUno, nonostante tutto il programma fosse incentrato su di lui.



Tutto il blocco di Domenica Cinque è incentrato su tre argomentazioni sostanziali: primo, sminuire il valore dell’Auditel (che si ringrazia a profusione solo quando fa comodo); secondo, minimizzare gli errori del programma (un non-programma, ma solo perché Vittorio è fatto così si dice in studio); terzo, spiegare che Sgarbi avrebbe potuto fare tantissimo ma non l’ha fatto, e riderci su, e far credere che il programma sia stato stroncato perché Sgarbi è di centrodestra (ma quando mai è stato quello, l’argomento del contendere?).
Il flop di Sgarbi, con un dato al ribasso eccezionale rispetto alla media di RaiUno, dimostra che il pubblico abbia scelto di non vederlo.

Condividi con ebuzzing

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here