La vincitrice della prima edizione di “Si può fare” è Maddalena Corvaglia. Ha trionfato nell’ultima puntata, andata in onda venerdì 30 maggio, del programma condotto da Carlo Conti. La vittoria, quasi scontata, della compagna di bancone a “Striscia la Notizia” di Elisabetta Canalis, è arrivata al culmine di una puntata non priva di defaillance imbarazzanti, in cui un pò tutto è apparso un pò arrangiato piuttosto che curato nei particolari, le performance sembravano preparate all’ultimo momento e tre dei dodici vip in gara non si sono potuti esibire. Karin Proia infatti, a causa di un incidente avvenuto durante le prove si è provocata la rottura di un dente, che poi si è fatta ricostruire, ma è stata costretta a perdere a tavolino la sfida contro la Corvaglia nel Water ball; l’esibizione dell’Hula Hoop di Fuoco di Sergio Muniz e Federica Nargi non è stata proprio autorizzata perchè ritenuta troppo pericolosa dalle autorità.

Si può fare: Maddalena Corvaglia vince la prima edizione
Maddalena Corvaglia è la vincitrice di Si può Fare

Doveva essere inoltre, la puntata in cui a decretare il vincitore sarebbe stato il pubblico da casa attraverso il televoto, almeno questo era quello che si diceva all’inizio, e invece non è stato così. La giuria composta da Pippo Baudo, Amanda Lear e Yuri Chechi si è ritrovata così in grande difficoltà a dover assegnare i punti alle esibizioni per decidere a chi far aggiudicare la vittoria, però alla fine hanno deciso di non eleggere il vincitore optando per far esibire i concorrenti nei rispettivi cavalli di battaglia. Anche in questo caso è emersa la superiorità di Maddalena Corvaglia, detentrice di una preparazione atletica da far invidia, ragion per cui ha vinto senza dubbio la più preparata e colei che ha sbagliato poco o niente durante il corso della trasmissione. Era in testa alla classifica punti nella penultima puntata davanti all’altra ex velina Federica Nargi e a Sergio Muniz e lì è rimasta. Anche gli stessi concorrenti che hanno partecipato al varietà del venerdì sera di Rai 1 hanno inciso sul risultato finale dando un punto ciascuno al collega che meritava la finale. Praticamente lo stesso meccanismo di “Tale e quale show“, programma di successo per Carlo Conti. Si è chiusa quindi, anche questa nuova avventura televisiva del futuro conduttore del Festival di Sanremo, che però di certo non è stata all’altezza delle precedenti. Sebbene gli ascolti di “Si può fare” siano stati soddisfacenti, nel corso delle puntate il ritmo del programma e l’interesse del pubblico è andato via via scemando. L’effetto novità iniziale è poi svanito fino ad arrivare alla puntata finale, ma quell’arrivederci apparso mentre si festeggiava la Corvaglia in basso del teleschermo sul finire stava forse a testimoniare l’intenzione di riproporlo il prossimo anno. A voi è piaciuto?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here