Paola Caruso a Pomeriggio 5 dopo il ricovero: “Ho rischiato grosso!”

Paola Caruso, ricoverata d’urgenza in ospedale per un’emorragia interna, racconta la sua brutta esperienza da Barbara D’Urso a Pomeriggio 5.

Gossip news – Da ex naufraga a miracolata. Paola Caruso se l’è vista veramente brutta nei giorni scorsi. Ricoverata e operata d’urgenza all’ospedale di Milano a causa di un’emorragia interna, ha tenuto tutti con il fiato sospeso. Ora che è stata dimessa arrivano notizie migliori e positive. La foto su profilo ufficiale Instagram di lei distesa sul letto sofferente aveva allarmato i fan. E’ stata lei stessa a rassicurare tutti sulle sue condizioni. Lo ha fatto commossa da casa in collegamento con lo studio di Pomeriggio 5.

gossip news, paola caruso news, paola caruso notizie, paola caruso gossip, ospedale, pomeriggio 5,
Paola Caruso Pomeriggio 5

Gossip news, Paola Caruso: La diagnosi dopo il ricovero

Questi i dettagli dell’accaduto raccontati in esclusiva da Paola Caruso a Pomeriggio 5: “Ho iniziato a sentire un dolore che non avevo mai sentito. Sono stata ricoverata d’urgenza. I medici non sapevano cosa avessi. Dalle ecografie non si vedeva nulla. Poi hanno visto che l’emocromo scendeva sempre di più. Lì hanno capito che era scoppiato un vaso sanguigno. Hanno dovuto operarmi, ma c’era troppo sangue, quindi pensavano di aprirmi. Poi il ginecologo di una mia amica è riuscito a operarmi solo in laparoscopia: la mia ovaia destra si era ritorta su se stessa, ho rischiato di perderla“.

Peraltro Paola Caruso era impegnata insieme ad Anna Tatangelo sul set del cinepanettone di Natale. Una brutta batosta. L’importante è esserci e poterlo ancora raccontare. Questo il ringraziamento su Instagram da parte sua a tutti coloro che le sono stati vicini in questi drammatici momenti: “Un grazie speciale a tutte le persone che mi hanno seguito #pomeriggiocinque Siete la mia forza @boylondon_italia #grazieditutto“.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.