Giovedì 11 settembre p.v. Tanti gli eventi che hanno visto giovani, a volte giovanissimi design, affaccciarsi per una serata magica alla vetrina più grande della città: la VFNO 2014 (Vogue Fashion’s Night Out). La storica Via Margutta (Hotel Forte Via Margutta, 61)  accoglierà quattro giovani design con un padrino d’eccezione: lo stilista Nino Lettieri. Il primo è Giuseppe Bonafede di 22 anni proviene dallo Ied la sua particolarità: l’idea di vestire una donna come fosse un uomo. Quindi una donna quasi androgina, resa sicura e determinata da un look severo reso romantico da tessuti leggeri trasparenze e fantasie floreali. La seconda stilista è Elena Faccio  classe 1992 romana  il suo progetto e’ una collezione uomo che spazia dal pret a porter all’ urbanwear: la sua caratteristica e’ il dettaglio. Un uomo che ama la ricerca e un ritorno  alla sartorialita inglese che comunque, ma  al passo con i tempi. La terza è Marella Campagna che combina la sperimentazione di nuove forme, attraverso lo studio dei volumi e delle linee, con i canoni classici della sartorialitá. Crede nella spettacolarità degli abiti pur considerando la funzionalità degli stessi,elemento imprescindibile per vestire una donna. La quarta è Valentina Guidi nata a Roma nel 1983 è ormai una veterana, proviene dallo Ied e dal  2011 nasce “NeverHappyDesign”, suo marchio di borse che, con il suo stile inconfondibile e accattivante, attira l’attenzione degli appassionati del design di lusso e di qualità.

Vogue-Fashions-Night-Out-2014-giovani-talenti-foto

La serata termina in un’altra Via storica: Via Veneto con la UNIQUE FASHION’S NIGHT OFF. Elle, un’arena moderna dal design unico, capace di avvolgere i sensi per tramutarli in esperienza sensoriale, apre le porte ad ospiti ed a giovani professionisti con l’intento di ricercare l’unicità in ognuno di noi. Uno spazio di eccentrico senso della moda, concettuale, da sviscerare, osservare e mettere a confronto.

Unique rappresenta il singolo, il soggetto che esprime la propria identità in modo irripetibile. Nell’era dell’omologazione, della creazione di massa la filosofia è concentrata sulla diversità, che sia compatibile o meno con il comune e con quello che in esso troviamo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here