Mondiali Kazan: medaglia d’oro da 1 mt per Tania Cagnotto

Tania Cagnotto ha conquistato la medaglia d’oro al Mondiale di nuoto di Kazan nel trampolino da 1 mt. La bolzanina in finale ha superato la concorrenza delle due tuffatrici cinesi e ha così archiviato la delusione per il quinto posto raggiunto nel sincro con Francesca Dallapè dal trampolino dei 3 metri.

Tania Cagnotto: medaglia d'oro ai Mondiali Kazan 2015
Tania Cagnotto

Mondiali Kazan 2015: la gara della Cagnotto da 1 mt

La Cagnotto ha eseguito una serie di tuffi perfetti che le hanno permesso di trionfare, complici gli errori delle due avversarie, e nonostante l’italiana abbia preso qualche rischio nell’ultimo tuffo il gradino più alto del podio è stato suo, come ha spiegato a Rai Sport l’azzurra parlando del suo tuffo: “So che non è stato uno dei migliori, era abbondante però avevo dieci punti di vantaggio e non volevo strafare. Ho rischiato, ma stavolta ho vinto io”. La tuffatrice delle Fiamme gialle ha superato con il punteggio di 310.85 le cinesi Shi Tingmao arrivata seconda (309.20) e terza He Zi (300.30), proprio l’atleta che due anni fa a Barcellona per 10 centesimi le tolse l’oro. E stavolta è stato il turno dell’azzurra che dopo l’argento ai Mondiali del 2013 e il bronzo a Shanghai del 2011, adesso si è laureata campionessa del mondo.
“È veramente un sogno che si è realizzato, io ho sempre considerato alla pari una vittoria Olimpica o Mondiale. Finalmente ne ho centrata almeno una, sono al 7° cielo”, ha dichiarato la trentenne che durante la premiazione e l’inno ha dato spazio alle lacrime di gioia per la conquista di un vero e proprio sogno.

Una gara condotta sin dal primo tuffo davanti alle due tuffatrici asiatiche, che mai hanno concesso alle rivali un po’ di spazio e che stavolta si sono piegate alla sicurezza e alla perfezione dell’italiana: “È una bella soddisfazione. Avevo una strana sensazione già dalle eliminatorie, ieri è stata una giornata infinita, non sapevo dove sbattere la testa. Non vedevo l’ora di finire e sapevo di potercela fare”. E sul suo profilo Twitter: “Oddio!!! Cos’ho combinato? Non so quanto tempo ci vorrà a realizzare.. so solo che sto vivendo un sogno!! Grazie di cuore“.

L’ultimo Mondiale per la Cagnotto e i complimenti del padre

E dopo il trionfo iridato in Russia, la Cagnotto non parteciperà più al Mondiale, cosa che ha spiegato ai microfoni di Rai Sport. Questa a Kazan è stata la sua ultima competizione iridata: “È stato il mio ultimo tuffo mondiale. Ho chiuso in bellezza, è uno dei momenti più belli della mia vita”. Non finisce qui, però, perchè la prossima estate l’aspetta l’Olimpiade in Brasile, l’ultima della sua carriera e nella quale cercherà una medaglia, visto che si tratta dell’unica che manca, adesso che ai mondiali l’oro l’ha conquistato in Russia. “Questo oro ci mancava. C’erano i presupposti, la gara aveva preso un bell’andamento da ieri. Ho visto che stava bene, ha affrontato gara con determinazione giusta e ho gioito solo alla fine, perché è in quel momento che si fanno i conti”, ha dichiarato il padre e allenatore Giorgio Cagnotto. Si tratta inoltre del terzo titolo iridato per l’Italia dei tuffi dopo quelli vinti nel 1973 e nel 1975 da Klaus Dibiasi dalla piattaforma.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.