Ruby Rubacuori: Chiedo i soldi ai miei suoceri per fare la spesa

In attesa della sentenza che probabilmente verrà emessa il 18 luglio 2014, Ruby Rubacuori alla vigilia del Processo di Appello a Milano scende di nuovo in campo per difendere l’Ex Premier Silvio Berlusconi condannato in primo grado a 7 anni per concussione e prostituzione minorile. La ragazza, il cui vero nome è Karima El Mahroug, non smette di stare dalla parte di Berlusconi e asserisce sulle pagine di Il Giornale: “la verità è che Berlusconi mi ha rispettato più di tutti gli uomini che ho incontrato nella mia vita precedente nei locali e nelle discoteche. Gli hanno dato sette anni per nulla. Vengo massacrata in continuazione.  So che il vero bersaglio non sono io ma è Berlusconi: mi domando: quanto deve durare questo massacro?”.

Ruby Rubacuori difende Silvio Berlusconi
Ruby Rubacuori difende Silvio Berlusconi

La versione dei fatti di Ruby continua ad essere la stessa: “avevo diciassette anni, ero totalmente allo sbando, e in quelle telefonate mi attaccavo ad amiche che poi amiche non erano, e mi inventavo cazzate per darmi arie. Errori di gioventù che non credo di dover pagare in eterno. Il problema vero è quello che è successo dopo, quando sono arrivati i pm a interrogarmi, e ho capito subito che di me non gli interessava assolutamente niente, volevano solo e a tutti i costi questo signor Berlusconi, e io gli ho dato quello che volevano. Sono stata anche pittoresca, certo. Faccio mea culpa, va bene? Ma da qui a prendere per oro colato le parole di una ragazzina di diciassette anni scappata di casa ce ne corre”.

Per quanto riguarda l’ingente somma, 5 milioni di euro, che Berlusconi le avrebbe dato la ragazza nega con forza: “sono sotto inchiesta? Bene. Io sono tranquilla, perché se Berlusconi mi avesse dato i cinque milioni di cui parlavo nelle intercettazioni, non sarei ridotta adesso a chiedere ai miei suoceri i soldi per fare la spesa. Invece quando cerco lavoro, anche come commessa, trovo solo porte chiuse perché la gente pensa ‘ma come, questa ha cinque milioni di euro e vuole lavorare, chissà cosa c’è sotto. Adesso forse ho trovato un posto in un ristorante a Milano. Se va male anche lì, andrò dalla Boccassini a chiederle di prendermi come donna delle pulizie”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.