La Roma si è presentata all’Olimpico per l’Open Day mettendo in mostra soprattutto i nuovi acquisti e in particolare Edin Dzeko. La squadra giallorossa dopo la sfilata davanti ai suoi tifosi è anche scesa in campo per l’ultima amichevole del precampionato contro il Siviglia vinta 6-4.

Roma-Siviglia 6-4, il protagonista è Edin Dzeko

Roma-Siviglia-6-4-Edin-Dzeko-Mohamed-Salah
Roma-Siviglia-6-4 Edin Dzeko e Mohamed Salah

Allo stadio davanti a 33 mila tifosi l’intera rosa romanista e lo staff sono scesi sul prato verde alle 18.45 presentati dallo speaker ufficiale e con qualche assenza particolare: Ashley Cole, che sta per rescindere, Yanga-Mbiwa venduto al Lione e Mattia Destro in trattativa per il trasferimento al Bologna. Il più atteso è stato l’attaccante bosniaco arrivato dal Manchester City che è stato anche il protagonista della partita contro la squadra di Unai Emery.

Dzeko ha giocato sin dal primo minuto, creandosi occasioni dal fischio dell’arbitro in poi. Il centravanti giallorosso è andato a segno al quarto minuto con un tiro andato sotto la traversa. Otto minuti dopo arriva il raddoppio firmato da Torosidis che presa palla a centrocampo calcia in porta da 25 metri. E non finisce così visto che l’attaccante ex City fa una doppietta al 41esimo del primo tempo. La prima parte di gara si chiude sul 4-0 con la rete di Nainggolan, su assist di Dzeko (43’ pt). Si sempre il calciatore bosniaco, che si presenta bene alla sua prima partita da romanista, da vero attaccante, dimostrando quanto sia mancato un centravanti di peso alla Roma targata Rudi Garcia.

Roma-Siviglia-6-4-Edin-Dzeko-Mohamed-Salah-Roma--300x199
Roma-Siviglia-6-4

Alla ripresa arrivano altri due gol dei capitolini, il primo dell’altro acquisto importante Salah, che prende palla servito da Maicon e percorre la fascia destra colpendo il palo protetto dal portiere del Siviglia (10’ st). Il sesto gol è firmato da Francesco Totti grazie al rigore procurato da Iturbe per un fallo di Tremoulinas al 18’ st. Il capitano realizza il tiro dal dischetto davanti a un ospite speciale, il figlio Cristian seduto a bordo campo a guardare il padre giocare ed emozionato per la sua rete. La Roma però sul 6-0 molla la presa e si lascia andare subendo negli ultimi 20 minuti quattro gol dalla squadra vincitrice della scorsa Europa League.

Il Siviglia, palesemente stanco nel corso della partita per via del match di qualche giorno fa in Supercoppa Europea contro il Barcellona, paga la fatica ma riesce comunque a segnare. Complice anche la scelta di Rudi Garcia di cambiare la difesa affidandosi alla coppia sperimentale, De Rossi-Capradossi. Per gli spagnoli vanno a segno: Suarez (25’ st, 40’ st), Reyes (31’ st) e Coke (38’ st).

Le dichiarazioni di Garcia e il comunicato ufficiale della cessione di Yanga-Mbiwa

Dal match contro il Siviglia la Roma esce con un attacco interessante, cosa che è mancata nella stagione passata, e con una difesa da rivedere e soprattutto da sistemare con il calciomercato. “Sul piano offensivo siamo stati bravi, abbiamo fatto dei bei gol, penso al terzo, che è un gol collettivo. Nell’intervallo però avevo detto ai ragazzi che volevo vincere anche il secondo tempo, e invece abbiamo perso 4-2. C’è ancora da lavorare”, ha spiegato Rudi Garcia alla fine del match.
Con questo risultato le prospettive per il campionato sembrano davvero promettenti: “Siamo cresciuti tanto sul piano del gioco”, soprattutto con Dzeko e Salah, “La qualità davanti fa la differenza, il reparto offensivo e quello di centrocampo vanno bene, ora ho poco tempo per lavorare sul reparto difensivo, perché i rinforzi arriveranno tardi. Ma va bene, l’abbiamo fatto l’anno scorso con gli arrivi in extremis di Manolas e Holebas, lo faremo anche quest’anno”. In particolare il problema in difesa si fa più serio adesso che la Roma ha ufficializzato la cessione di Mapou Yanga-Mbiwa al Lione, come riferisce una nota pubblicata sul sito giallorosso: “Il giocatore, di nazionalità francese, è stato ceduto al club transalpino a fronte di un corrispettivo fisso pari a 8 milioni di euro, e variabile, fino ad un massimo di 2 milioni di euro, per bonus legati al raggiungimento da parte del club e del giocatore di determinati obiettivi sportivi”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here