Marco Occhetti adesso suona nelle vie del centro storico di Roma per sopravvivere

La musica dà, la musica toglie. Lo sa bene Marco Occhetti, il chitarrista nato a Roma il 24 dicembre 1959. Marco Occhetti in arte “Kim” ha studiato presso il conservatorio di Santa Cecilia, è stato voce e chitarra dal 1986 al 1994 del celebre gruppo Pop I Cugini di Campagna. Non è l’unico musicista che versa nelle stesse condizioni precarie di Kim. La musica dà notorietà, e la stessa te la toglie, esattamente quello che è successo al chitarrista Marco Occhetti. Dalla campagna alla strada come scrive il Messaggero di Roma.

Marco Occhetti, Cugini di Campagna, Kim,
Cugini di Campagna

La fine di Marco Occhetti dopo l’uscita dalla band romana

Dopo la collaborazione con i Cugini di Campagna, Marco Occhetti lascia il gruppo e si cimenta come comparsa per sopravvivere e compare in alcuni film: Amici Miei, Claretta Petacci e altri. Da allora Marco Occhetti canta per strada, tra le vie di Roma, tra Pantheon e Piazza Navona e al quotidiano rivela: “Ho una licenza regolare per esibirmi, ma dalle ore 16, sia in inverno sia in estate e nello spazio di 2 ore ci dobbiamo alternare in quattro. Quindi a me restano 20 minuti, massimo 30.” La confessione del chitarrista: “Ho mamma e fratello invalidi, poi ho una figlia. Tutti sulle mie spalle. A volte sto sotto a un treno Ma non mi vergogno”. 

“I Cugini di Campagna mi hanno messo i bastoni tra le ruote” rivela Marco Occhetti

“Lasciare il gruppo è stata una mia scelta” – rivela Kim – “Non ero più in sintonia con loro. Col tempo sono nate diatribe, e me ne sono andato. Non mi hanno versato i contributi, si sono inventati mille sotterfugi. Sono tutti tirati con i soldi, ma a livelli estremi. Ed è finita male. Quella è gente fredda. Dopo la mia uscita, mi hanno messo i bastoni tra le ruote“. 

La rabbia per la sopravvivenza

Ora la rabbia di Marco Occhetti però si fa sentire: “Nessuno, nessun artista italiano noto mi ha mai dato una mano… una possibilità. Non chiedo molto… soltanto di cantare”. E così suonando nelle strade e nelle piazze: “La mia situazione è drammatica, da anni sono costretto a sopravvivere così”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here