Lewis Hamilton questa domenica ha vinto il Gp di Abu Dhabi laureandosi, così, campione del mondo di formula 1; l’inglese ha trionfato proprio alla fine dell’ultima gara del 2014. Il pilota della Mercedes alla fine della competizione ha festeggiato la seconda vittoria in carriera, dopo la prima avvenuta sei anni fa, ottenendo inoltre anche il 70esimo podio. Il Gran premio, perciò, si è chiuso con il podio di Hamilton, e alle sue spalle sono arrivati: secondo Massa e terzo Bottas entrambi piloti Williams. Ma questa vittoria è diversa rispetto alla prima: “Il 2008 è stato un momento importante, ma la sensazione di adesso la supera. Significa più del mio primo titolo, è come se fosse la prima volta”, ha commentato Hamilton.

hamilton-titolo-mondiale-2014
Mondiale 2014 di Formula Uno, vince l’inglese Lewis Hamilton pilota della Mercedes

Mondiale 2014 di Formula 1

“Mi mancano le parole. Devo ringraziare tutti, dai tifosi, alla famiglia e al team, che ha fatto un lavoro incredibile; adesso prenderò un giorno per volta”, ha affermato il campione del mondo. Il pilota ha festeggiato insieme alla sua scuderia il titolo individuale e anche quello costruttori che la Mercedes ha conquistato per la prima volta nella sua storia. La vittoria collettiva della casa automobilistica tedesca però è arrivata anche grazie al contributo dell’altro uomo Mercedes e cioè Nico Rosberg, che fino all’ultimo ha dato filo da torcere al suo compagno di squadra: “Nico ha combattuto in modo incredibile, ed è stato grande. Ci siamo incontrati nel 1997 e ci siamo detti che sarebbe stato bello combattere con la stessa macchina. Mi spiace che non abbia potuto lottare sino alla fine; è venuto a congratularsi ed è stato molto professionale. Mi tolgo il cappello davanti a lui, soprattutto in qualifica è stato incredibile”.

Il trionfo del campione britannico è arrivato oggi dopo una gara condotta alla perfezione, alla partenza, infatti, Hamilton ha bruciato sul tempo Rosberg e sin da subito è rimasto primo. “E’ stata la partenza più bella che abbia mai fatto; a questo punto ho potuto affrontare la gara in modo diverso, potevo fare la mia corsa. La macchina è stata fantastica e ho potuto fare ciò che volevo”, ha detto il vincitore del mondiale 2014.
Il compagno di squadra, invece, dopo aver avuto un problema al motore, si è dovuto accontentare di finire in coda al gruppo addirittura venendo doppiato.
Ecco perciò le parole del pilota di Wiesbaden dopo la gara: “Ci ho creduto sino alla fine, ho spinto perché io spingo sempre fino all’ultimo giro, è per questo che non ho voluto rientrare ai box. Complimenti a Lewis, ha fatto una grande stagione, è stato il migliore. Abbiamo fatto una lotta fantastica e si merita il titolo”.
Rosberg nonostante l’evidente delusione per il titolo sfumato, non ha accusato nessuno, non ha criticato la macchina o determinate gerarchie interne: “Quest’anno sono cresciuto tantissimo; sono fiero di essere stato in questa situazione, in questa lotta di altissimo livello. Penso già al prossimo anno, in qualifica sono il più veloce e questa è la base su cui costruire la prossima stagione. In gara, invece, mi manca ancora qualcosina”.
Mentre i due piloti guardano già al futuro e al prossimo mondiale nel 2015, la loro scuderia si gode la doppia vittoria, ritornati al successo dopo cinque stagioni. La Mercedes, infatti, è rientrata in formula 1 nel 2010 con la coppia SchumacherRosberg e dopo cinque mondiali ha raggiunto il successo lasciandosi alle spalle colossi importanti come Ferrari, Red Bull e McLaren.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here