Lionel Messi tra qualche giorno sarà uno dei protagonisti più osservati del Mondiale in Brasile, ma intanto nell’intervista concessa all’ESPN, il fenomeno blaugrana mostra anche la sua parte più intima. L’argentino, che quest’anno non ha avuto modo di festeggiare alcun tipo di trofeo con il Barcellona, ogni giorno che passa apprezza sempre più il piccolo Thiago (il figlio nato nel 2012), la gioia più grande della sua vita: “Ti fa vedere le cose da un altro punto di vista, mi ha rivoluzionato l’esistenza”. E sì perché la pulce, come lo chiamano tutti i suoi fans, non è solo un uomo di calcio, è una persona semplice che ama soltanto il suo lavoro. “Sono un ragazzo normale che fa una vita normale. Quando non lavoro passo il tempo in famiglia e con gli amici, come chiunque”. La vita gli ha dato tanto, ma il pallone e la gioia di segnare di fronte al suo pubblico è qualcosa di davvero speciale.

messi-mondiali
Leo Messi, il suo desiderio è di vincere i Mondiali con l’Argentina

Il pallone d’oro 2012, scalzato soltanto dal suo rivale Cristiano Ronaldo, però, punta sempre in alto, sa di poter dare ancora tanto, e se nell’ultima stagione ha ricevuto tante critiche, questo non significa nulla; perché il primo a giudicare il suo rendimento è proprio lui. “Cerco di superarmi sempre, di volere sempre di più, di essere il primo critico di me stesso. L’unica cosa che mi importa è giocare a pallone, lo faccio fin da bambino e lo farò fino a quando mi darà soddisfazioni”.
Che cosa manca al giocatore più forte al mondo? Ma è ovvio, sogna di alzare al cielo il premio più importante per un calciatore: “Sarei curioso di sapere come ci si sente campioni del Mondo”.
È vero anche, che, come spesso è accaduto, l’attaccante in Nazionale è sempre stato messo poco in luce, ha fatto tanto al Barcellona, ma la classe innata che ha non si è mai vista del tutto con l’Argentina. E in una competizione internazionale la concorrenza è sempre elevata, ci sarà qualcuno più forte di lui o che reputa alla sua altezza? “Ci sono tantissimi grandi giocatori, Neymar, Iniesta, Xavi, Cristiano Ronaldo, Ribery, Robben. Un solo nome? No, questo lo lascio fare alla gente”.
Insomma Lionel Messi sogna il trionfo iridato, sarà difficile poterlo ottenere, a quanto pare, però, non vuole vincere solo per se stesso; no, vuole diventare campione del mondo: “non per dare soddisfazione a quelli che dicono che sono il più grande, ma per raggiungere l’obiettivo con la Seleccion”.
Ci sono tante altre squadre che cercheranno di vincere questo torneo e sicuramente l’Argentina è fra le possibili candidate al titolo, come lo sarà la Spagna, la nazione di tanti compagni del capitano argentino. Come si fa a nascondere l’invidia (sana) che il numero dieci prova nei loro confronti? “Per quante volte glielo abbia domandato, ancora non mi hanno saputo spiegare come ci si sente davvero”. Ancora non si può dire chi otterrà la coppa del mondo, però tra i nomi illustri, che renderanno interessante il Mondiale, ci sarà sicuramente Messi, che vinca o che perda.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here