E’ ancora una volta lui, Rafael Nadal, il re di Parigi. Ha battuto in rimonta il serbo Novak Djokovic al Roland Garros. Una vittoria questa, la nona per lo spagnolo, che gli permette di confermarsi numero uno del tennis mondiale e di eguagliare i 14 Slam di Pete Sampras. E’ stata una dura lotta dai ritmi serratissimi: 3 ore e 31 minuti per vedere prima Djokovic in vantaggio e avere quasi la vittoria in pugno, poi alzare bandiera bianca di fronte allo strapotere dello spagnolo. Una gara in equilibrio, vissuta sul filo di lana, giocata sotto il sole cocente di Parigi e dei suoi 30 gradi. Uno di fronte all’altro, come nel 2012, due dei tennisti più forti di sempre, Nadal e Djokovic, si sono dati battaglia per cercare di aggiudicarsi l’Open di Francia e il titolo di numero uno. Per entrambi si è trattato della settima finale Slam e in quattro set terminati con il punteggio di 3-6,7-5,6-2,6-4, hanno visto alzare la coppa dallo spagnolo.

Il tennista Rafael Nadal trionfa per la nona volta al Roland Garros
Nona vittoria del tennista Rafael Nadal al Roland Garros

Ormai Nadal è di casa a Parigi. Lui che con questo è arrivato a quota nove Roland Garros, è riuscito a portarsi a casa per la quinta volta consecutiva la coppa dei Moschettieri, cosa mai successa prima nel tennis. Nelle ultime dieci edizioni del trofeo infatti, è sempre stato lui il re; dal 2005 al 2014 ha trionfato con la sola eccezione del 2009 quando vinse Roger Federer. A 28 anni, compiuti da poco, Rafa può vantare un palmares di tutto rispetto degno da numeri uno e da oggi, nel ranking mondiale ha 12500 punti mentre lo sconfitto Djokovic 12330. E’ impressionante il roulino di marcia del mancino di Manacor: una sola sconfitta in 67 match e ben 35 vittorie, compresa quella di ieri al termine della quale ha esternato tutta l’emozione che l’ha accompagnato fin lì, tra gioia e lacrime. “In partite come queste ogni punto è cruciale. Con Novak è sempre una sfida, avevo perso negli ultimi quattro incontri e aver vinto significa che giocavo oltre i miei limiti. Mi spiace per lui, sono certo che prima o poi vincerà questo torneo, se lo merita“, ha detto a caldo il neo campione che infine ha aggiunto: “Giocare al Roland Garros è indimenticabile“.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here