F1 – Al Gp del Belgio il successo è di Lewis Hamilton ma non è questo l’episodio principale della gara, quanto piuttosto il deludente piazzamento delle due Ferrari in particolare quella di Sebastian Vettel che rischia grosso a due giri dalla fine. Il campione del mondo in carica nel frattempo arriva primo con il tempo di 1h 23’40’’387 davanti a Nico Rosberg con un ritardo di +0:02.058 e infine terzo Romain Grosjean a +0:37.988.

F1, Gp del Belgio: la gara e le dichiarazioni di Vettel

F1: Hamilton vince al Gp del Belgio, Vettel è fuori dal podio

La corsa comincia con un problema alla monoposto di Hulkenberg che è costretto a partire dai box a causa di un problema alla power unit. Questo fa slittare il via: una volta iniziata la gara il britannico della Mercedes resta al comando e non è seguito da Rosberg ma dalla Force India di Perez e dalla Red Bull di Ricciardo. Dietro c’è la rimonta di Romain Grosjean, il pilota della Lotus, che in qualifica aveva conquistato il quarto posto, e che a causa di una penalità è finito nono. La gara di Grosjean si conclude comunque con il podio. Nel finale di gara, infatti, riesce a dare fastidio a Vettel al terzo posto. Il tedesco della Rossa va bene fino a pochi giri dal termine, quando gli scoppia la gomma posteriore destra. L’inconveniente in questione lo farà scendere fino al dodicesimo posto. Il problema allo pneumatico però nel post gara è diventato argomento di polemica proprio da parte del ferrarista e del suo entourage: “Chiariamo subito una cosa è la competizione dove meritavamo il 3° posto e non ci siamo riusciti, ma fa parte delle gare e un’altra cosa è che ti scoppia una gomma senza preavviso. Se fosse successo 200 metri prima non sarei qui, ma sarei finito contro le barriere a 300 km/h e questo non va bene. Non ci sono spiegazioni per quello che è successo, deve essere accaduto qualcosa che non è stato evidenziato a sufficienza, non sono uscito di pista, non c’è stata foratura, ma la gomma è esplosa”. Il tedesco dopo essersi spaventato, però come ha dichiarato alla fine del gran premio vuole una spiegazione dalla Pirelli in vista della prossima gara a Monza. E non è mancata la risposta del direttore del Motorsport Pirelli Paul Hembery che ha parlato, giustificando l’accaduto, di una gomma usurata.

Hamilton si gode l’ennesimo successo e resta primo nel Mondiale

Intanto Hamilton continua il percorso positivo nel Mondiale con una vittoria importante arrivata al termine di un fine settimana perfetto, soprattutto dopo il deludente risultato in Ungheria, dove vinse Vettel. “È stato un altro week end fantastico, l’auto è perfetta e il team ha fatto un lavoro eccezionale. Nico aveva un buon passo, ma sono riuscito a tenerlo dietro. Presto per parlare del titolo, qui volevo solo tradurre in una vittoria la pole e ce l’ho fatta”, ha spiegato il pilota della Mercedes. Al quarto posto si è piazzato Daniil Kvyat (Red Bull), quinto Sergio Perez (Force India) sesto Felipe Massa (Williams) e settimo Kimi Raikkonen (Ferrari). Non hanno completato la gara quattro piloti: Sainz, Ricciardo, Hulkenberg e Maldonado.
Il britannico aumenta il margine nella classifica piloti rimanendo primo a 202 punti davanti al compagno di team Rosberg secondo con 181 punti, terzo il tedesco della Ferrari a 160 e poi quarto e quinto Bottas a 77 e Raikkonen a 76.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here