Covid-19 Italia: il medico specializzato in epidemiologia Massimo Ciccozzi: “Il virus è mutato, vi spiego come…”

Covid-19 Italia, Roma 17-07-2020 “Il virus di Covid-19 è mutato, come fanno tutti i virus. Alcune mutazioni si sono conservate, come quella che lo ha reso più contagioso, altre si perdono”. A dirlo, è l’epidemiologo Massimo Ciccozzi, responsabile dell’Unità di statistica medica ed epidemiologia molecolare dell’Università Campus Bio-Medico di Roma, autore di numerose pubblicazioni su Sars-CoV-2.

Il virus è mutato

In un e-book, scritto insieme a Paolo Viana, ‘Il virus è mutato. Dalla Cina all’Italia, dal pipistrello all’uomo, dalla pandemia all’adattamento: come muta il Covid-19′. sono spiegate le modalità in cui il virus è mutato “Tutti i virus mutano – sottolinea l’epidemiologo Massimo Ciccozzi – “Questo in particolare lo fa meno velocemente, ad esempio, dell’Hiv. La mutazione che lo ha reso più contagioso è avvenuta da febbraio e si è mantenuta perché si è rivelata utile, ma c’è anche la mutazione sulla proteina NSP6, legata all’autofagia”.

Ma allora perché alcuni scienziati assicurano che Sars-CoV-2 non è mutato?

Massimo Ciccozzi: “Forse si teme che le persone, sentendo che il virus è mutato, pensino che sia diventato più aggressivo e si spaventino. O che sia diventato più buono, e allora rinuncino alle misure utili per contenere la diffusione. In realtà però fino ad ora dal punto di vista della patogenicità il virus è rimasto lo stesso”.

Attualmente sono in corso degli studi in grado di metterci nella condizione di comprendere meglio proprio su questo aspetto, fa sapere l’epidemiologo. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.