Bulgaria-Italia è finita 2-2, Eder salva la nazionale azzurra

L’Italia di Antonio Conte sabato 28 marzo è uscita male dal Vasil Levski National Stadium pareggiando contro la Bulgaria 2-2. La nazionale azzurra ha deluso le attese e ha dimostrato di avere parecchie difficoltà in difesa e anche nel resto dei reparti. Il CT ha schierato un 3-5-2, dovendo affrontare diverse assenze con il centrocampo privo di De Rossi, Pirlo e Marchisio e il forfait prima dell’inizio del match di Buffon fermato dall’influenza: Sirigu; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Darmian, Candreva, Verratti, Bertolacci, Antonelli; Zaza, Immobile. I padroni di casa si sono presentati in campo con un 4-2-3-1: Mihaylov; Manolev, Aleksandrov, Bodurov, Minev; Gadzhev, Dyakov; Milanov, Popov, Alexandrov; Micanski.

Eder salva l'Italia in Bulgaria
Eder salva l’Italia in Bulgaria

Euro 2016 qualificazioni: Il modulo e alcuni giocatori azzurri non convincono

La squadra del tecnico pugliese ha mostrato una serie di debolezze. Una delle prime perplessità riguardano la scelta di proporre un modulo diverso dal solito e di porre in campo determinati giocatori non particolarmente adatti: ha convinto poco Candreva, che alla Lazio viene utilizzato come estremo d’attacco e invece Conte lo preferisce come mezz’ala; è andato male anche Verratti sicuramente non all’altezza della situazione, in gara ha perso molti palle. Anche l’attacco italiano non è stato eccellente, la coppia Zaza-Immobile non è esplosa, anzi in campo i due giocatori non hanno creato particolari occasioni da gol. La dimostrazione è il vantaggio dell’Italia arrivato al minuto tre grazie all’autogol di Minev. Dopodiché è stata la Bulgaria a prendere il sopravvento prima pareggiando all’undicesimo del primo tempo con Popov e poi a superare gli avversari con la rete di Mincanski al 17esimo. La reazione dei bulgari ha costretto Antonio Conte a cambiare totalmente schieramento, il mister, infatti, poco dopo il pareggio ha modificato il modulo scegliendo un 3-4-3, chiaramente con uno stampo più offensivo.
Le cose non sono cambiate più di tanto e sotto la pioggia battente, a salvare il risultato per l’Italia è stato Eder al 39esimo del secondo tempo. Il pari a Sofia di fatto non ha compromesso il percorso per la qualificazione a Euro 2016 degli azzurri nel girone H, anche se la Croazia è volata in testa da sola.

Nazionale Antonio Conte: “Dobbiamo essere più cattivi, ma abbiamo creato tanto e fatto una buona gara”

“Sono molto confortato da come si è mossa la squadra, più che preoccupato per i gol subiti. Dobbiamo essere più cattivi, ma abbiamo creato tanto e fatto una buona gara, anche dal punto di vista del possesso palla. Dove cerchiamo di dare ampiezza, e vogliamo portare molti giocatori sopra la linea della palla, ma se i due interni rimangono alti e larghi, se si sbaglia si prende gol, dobbiamo fare attenzione. Abbiamo raccolto il minimo rispetto allo sforzo prodotto. La squadra mi è piaciuta, abbiamo giocato a una porta, su due ripartenze siamo stati puniti, sono soddisfatto”, ha dichiarato il Ct azzurro al termine della gara.
E intanto la nazionale è rientrata in Italia per la gara di martedì contro l’Inghilterra: “A Torino proverò anche alcuni giocatori che ho convocato e che vanno verificati. Io voglio solo lavorare e fare al meglio il mio lavoro per ottenere i risultati, perché questo mi è stato chiesto. Io mi sveglio con il desiderio di essere lasciato in pace per poter lavorare al meglio”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.