Il Mondiale dell’Italia inizia e parte anche quello di Mario Balotelli. L’attaccante azzurro debutta per la prima volta nella competizione internazionale e lo fa segnando la rete decisiva. “Sono felice ed emozionato. È la mia prima volta in un Mondiale e chiudere il debutto con la vittoria e con un gol mi rende molto, molto felice”. Quel gol che da qualche tempo non veniva con il club milanista, arriva proprio con la nazionale, perché SuperMario è fatto così, dà il massimo, quando da lui ci si aspetta tanto.

balotelli-gol-italia-inghilterra-mondiale-2014
Inghilterra Italia 2-1 Balotelli segna il gol della vittoria

Nei giorni scorsi il calciatore aveva festeggiato il fidanzamento con Fanny Neguesha, e ieri nella notte italiana ha dedicato la rete proprio alla sua amata.  Alla domanda (a chi lo dedichi?) ha risposto: “ Alla mia futura moglie, che è qui. Alla mia famiglia e ai miei amici, che mi hanno visto in tv”. Proprio Mario, ex Manchester City, toglie la speranza ai tifosi inglesi, segna il 2-1 e stabilisce la sconfitta dell’Inghilterra. La nazionale dei tre leoni, proprio non riesce a battere l’Italia, perché è dal 1977 che gli azzurri vincono contro i britannici. E a decretare l’ennesima disfatta nelle competizioni ufficiali è proprio quell’attaccante tanto bistrattato nel Regno Unito. Il bad boy italiano festeggia, ma non troppo, visto che anche lui lamenta il caldo: “Giochiamo qui a Manaus, le condizioni sono estreme, fa troppo caldo, si sta male. Non capisco perché hanno impedito il time-out. È difficile reggere, quindi dove possiamo arrivare, non lo so. Ora guardo alla Costarica, andiamo avanti passo dopo passo”.
Balotelli, però, frena l’entusiasmo, e anche se sembra strano vederlo calmo, tranquillo, aspetta prima di proclamare il trionfo  della sua squadra; ci vuole tempo, perché oltre all’Italia ci sono tante altre nazionali che potranno fare meglio. Il giovane calciatore parla con maturità, pur essendo stato alla sua prima partita Mondiale, mostrando una serietà che non ci si aspetta. “Non esistono squadre scarse, sono tutte forti e organizzate, sarà dura per tutti. Noi non montiamoci la testa, perché non andremmo da nessuna parte. Tutte le nazionali sono forti, ma noi siamo l’Italia. Soffriamo sempre, ma sappiamo giocare bene e vincere”.
Per il resto, anche se molti lo criticano, altri lo insultano e tanti altri lo stimano, Balotelli ha portato per mano la nazionale azzurra alla vittoria. E se si dovesse guardare avanti, con una squadra così e con questo giocatore, l’Italia potrà andare ancora avanti nel Mondiale; ma guai a parlare di finale, meglio ragionare come fa SuperMario, cioè passo dopo passo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here