Sanremo 2016 Elio e le Storie Tese sul palco del festival nella serata delle cover

Al Festival di Saremo 2016 arrivano anche Elio e le Storie Tese nella serata delle cover con il brano “Quinto ripensamento”, Elio: “Non sappiamo perché abbiamo scelto questa cover. Cosa facciamo non è chiaro, non è chiarissimo…”

“La prima prova è sempre una grande emozione, perché arrivi lì e ti tremano le gambe…” ironizza il cantante del gruppo Elio poi però Faso aggiunge: “Durante la prima prova ero veramente teso e spaventato perché era un momento troppo importante. Poi però ho capito che mi avevano ingannato”.  Nella loro ultima partecipazione al Festival con ” La Canzone Mononota” hanno dimostrato che con poche note si poteva creare un tormentone. Infatti se solo nominiamo il titolo della canzone lei comincia a suonare senza sosta nelle nostre teste vero?

elio e le storie tese a sanremo 2016
Elio e le Storie Tese

Sulla cover “Quinto ripensamento”, che dovranno portare a Sanremo hanno dichiarato: “Non sappiamo perché abbiamo scelto questa cover. Cosa facciamo non è chiaro, non è chiarissimo… Questa sera abbiamo provato qualcosa ma non è detto che poi è quello che faremo sul palco”. Ma Faso non può fare a meno di dire la sua e aggiunge: “A noi hanno detto di portare un grande classico, un super mega classico… solo che non avevano depositato i pezzi”. Ma il vero cruccio di Elio volete sapere qual è? Impossibile ma vero, il suo grandissimo cruccio è il ripescaggio: “Quando noi eravamo sul palco a provare le canzoni pensavamo al ripescaggio: cioè come fare per essere fra i cinque eliminati e poi farsi ripescare dal pubblico? Che poi è la parte più difficile. Tu puoi fare il furbo e farti mandar via e se poi non ti ripescano? E poi devi star lì a truccare i voti, le schede, il bianchetto… È difficile ragazzi, bisogna farlo bene“. Certe cose possono dirle e farle solo Elio e le Storie Tese e con loro quest’anno se ne vedranno delle belle. Ma se Fabio Fazio ha avuto gli attacchi di panico con loro sul palco a Carlo Conti cosa succederà? Chissà magari sbianca un po’.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.