Laura Antonaz, meglio nota con il nome d’arte Laura Antonelli, avrebbe compiuto 74 anni a Novembre. Ieri mattina, dopo l’allarme dato dalla donna delle pulizie, è giunto il triste annuncio della morte dell’attrice italiana, lasciando senza parole i suoi fans. Si è spenta a Ladispoli, nella casa in cui viveva sola, a causa di un infarto, Laura Antonelli, l’attrice che ha fatto sognare gli italiani con la sua grande sensualità e che è riuscita a conquistare il titolo di icona sexy del nostro cinema.

Laura-Antonelli
Laura Antonelli (foto)

Laura Antonelli: un personaggio indimenticabile..

Laura-Antonelli-2-300x300
Laura Antonelli

Vestaglia succinta, autoreggenti, capelli sciolti e un fisico perfetto, entra così nell’immaginario erotico del pubblico, Laura Antonelli, nel film “Malizia“, con il quale ha raggiunto la sua popolarità. Un copioso incasso, un David di Donatello e un Nastro D’argento segnano gli anni Settanta di Laura Antonelli grazie al film “Malizia” di Salvatore Samperi. Una vita non sempre facile, una scalata verso il successo a cui seguì una ripida discesa legata ai problemi con la droga e ai guai con la giustizia, dall’exploit di Malizia al flop del sequel del film-cult, Malizia 2000, per poi passare alla reazione allergica al collagene che le deturpò i lineamenti del viso tanto da farle decidere di ritirarsi dal mondo dello spettacolo. Sarà proprio lei a chiedere di essere dimenticata in una lettera inviata al suo amico Lino Banfi. Una richiesta quasi assurda per il pubblico che la ricorderà per sempre.

Laura Antonelli: una serata “Dedicata a Laura”

In memoria di Laura Antonelli e della sua carriera cinematografica, il canale Iris trasmetterà, questa sera, martedì 23 giugno alle ore 21:00, una mini – retrospettiva di quattro film, introdotta da un’intervista del 1989 dell’attrice. Il primo film sarà “L’innocente”, di Luchino Visconti, tratto dal romanzo di Gabriele D’Annunzio. Il film del 1976 è stato presentato al Festival di Cannes ed ha visto Laura nella veste di icona del cinema d’autore. A seguire saranno due film del filone sexy dell’attrice Laura, “Il merlo maschio”, diretto da Pasquale Festa Campanile con Lando Buzzanca, e “Casta e pura” con Massimo Ranieri e Christian De Sica, diretto da Salvatore Samperi. Ultimo film proposto per la rassegna “Dedicato a Laura” sarà “La gabbia”, il lungometraggio del 1985 di Giuseppe Patroni Griffi, con Tony Musante e Florinda Bolkan.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here