Di brividi ne ha provati tanti Alessia Gerardi di Lallio, giovedì sera a «Io canto». Tra i partecipanti del talent show canoro di Canale 5 la bergamasca 12enne, ha ricevuto il 4% di preferenze al televoto, mentre il 19% è andato ad Alessandro Casillo, decretandolo vincitore della puntata. Il premio della giuria è stato invece assegnato a Benedetta Del Freo. Sedicesima in ordine d’apparizione, Alessia ha preso microfono e coraggio a due mani per cantare «Brividi» di Rossana Casale, interpretato con voce pulita, venata da un pizzico di grinta. Stare sul palco dello studio 20 di Cologno Monzese per la dodicenne è stato emozionante.


«Prima di esibirmi ero agitata, non riuscivo a stare ferma. Il cuore batteva all’impazzata, ma salita sul palco l’emozione è passata. Cantando mi sono tranquillizzata per trasmettere agli ascoltatori la mia sensibilità e dolcezza: chiudo un po’ gli occhi e mi immedesimo nella canzone per interpretarla al meglio», il commento della ragazzina.
Dall’età di tre anni Alessia – tra i concorrenti alla terza edizione della trasmissione condotta da Gerry Scotti, con regia e direzione artistica di Roberto Cenci – «ha la passione per il canto, che vuole coltivare con caparbietà», racconta il padre Daniele. Per la figlia ha scritto alcuni brani, quale «Negli occhi tuoi», composto insieme a Michele Gentilini e mandato in onda mesi fa sulle frequenze di Radio Alta, durante la trasmissione «Vuoi vedere che», condotta da Teo Mangione, che la ospiterà a «Colazione con Radio Alta» il 4 ottobre prossimo.  Dopo un provino a febbraio e due audizioni a luglio, ora il palco di Mediaset, «un’opportunità per farmi ascoltare e un’esperienza unica da vivere. Il maestro Luca Pitteri spiega molto bene e mi consiglia di essere più graffiante. Inoltre esibirsi con un’orchestra è stupendo», commenta Alessia, che frequenta la seconda media nell’istituto delle suore sacramentine di Bergamo.
Tra le canzoni preferite di Alessia Gerardi compaiono brani di Giorgia, Celine Dion, Duffy e Christina Aguilera, Leona Lewis, ma anche di Luigi Tenco, perché «è affascinante cantarli modulando l’intonazione con melismi e falsetti». Ora la parola passa ad altre prove sul palco di «Io canto» e se l’indice di gradimento di direzione artistica, televoto e giuria sarà positivo, la giovanissima cantante bergamasca continuerà la sua avventura.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here