Dopo Joan Didion per Céline e Joni Mitchell per Saint Laurent, Marc Jacobs ha recentemente portato sui cartelloni di tutto il mondo l’immagine di una leggenda immortalata dall’obiettivo di David Sims: l’eterna ed immutabile sessantanovenne Cher. Ad affiancarla però c’è un altro nome proveniente dal mondo della musica: si tratta dell’ora protagonista di uno dei brand più celebri ed amati del mondo, la giovanissima new entry Willow Smith.

Willow Smith e Cher: le nuove testimonial di Marc Jacobs

Willow-Smith-e-Cher
Willow Smith e Cher per Marc Jacobs

La figlia quattordicenne della coppia Will Smith – Jada Pinkett-Smith dopo aver conquistato la cover story di Wonderland Magazine dello scorso Novembre ed un editoriale sul CR Fashion Book di Carine Roitfeld, si aggiudica la sua prima campagna di moda, divenendo il nuovo volto della campagna pubblicitaria autunno/inverno 2015-16 di Marc Jacobs, ritrovandosi così a posare sullo stesso set dell’icona quasi settantenne Cher, per la collezione ispirata a Diana Vreeland.

I due scatti sono fra loro simili: lo sfondo di un caldo color marsala ospita in primo piano una seduta su cui Cher sfoggia un long dress plissettato, una giacca borchiata ed un paio di guanti di pelle. Dopo di lei, Willow appare in un abito fissato in vita con un’ampia gonna a pieghe, avvolta in un cardigan di broccato. In entrambe le foto compare un tessuto metallico, anche se la grande novità sta nello scatto di Willow, nel quale la Smith tiene uno spadino. La differenza più forte invece, risiede nel soggetto: la prima molto più matura e la seconda ancora in trasformazione. Entrambe risultano però accomunate da una grande grinta ed espressività. L’atmosfera noir degli scatti è stata creata dall’abile e celebre ritrattista David Sims mentre lo styling è stato curato da Katie Grand.

“Bellezza, stile e talento non conoscono età. Si tratta di quelle persone la cui creatività, visione unica, e la voce ispirano tutti noi qui per creare ed esprimere noi stessi attraverso il nostro mezzo: la moda”, il designer americano motiva così il perchè della sua scelta apparentemente molto particolare.

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here