Supercoppa Europea 2015 – Il Barcellona di Luis Enrique porta a casa la quarta coppa consecutiva dell’anno. I blaugrana hanno conquistato la Supercoppa Europea vincendo per 5-4 contro il Siviglia. I blaugrana vincono per la quinta volta questo titolo eguagliando il record che fu del Milan e puntando a ripetere l’impresa già fatta con Pep Guardiola di completare il sextete andando a prendersi la Supercoppa di Spagna e anche il Mondiale per club.

Supercoppa Europea 2015: pioggia di gol 5-4 tra Barcellona e Siviglia

Supercoppa Europea Il Barcellona vince la grazie alla rete di Pedro
Supercoppa Europea

 

Il gruppo guidato da Messi e Suarez ha trionfato in Georgia nello stadio di Tbilisi con una pioggia di gol. Nove gol in una sfida dove nessuna delle due formazioni iberiche si è voluta arrendere fino ai tempi supplementari, necessari per assegnare il titolo dopo i tempi regolamentari finiti sul 4-4. La partita comunque inizia meglio per i ragazzi di Unai Emery che subito vanno in vantaggio con una bellissima punizione segnata da Ever Banega. Al gol su calcio piazzato però risponde qualche minuto dopo Messi che ne confeziona prima una punizione per pareggiare e poi una seconda per superare gli avversari. Nel 2-1 il Barcellona dilaga soprattutto con Luis Suarez che segna, ma il gol del 3-1 viene annullato e poi serve Rafinha per il realizzare davvero il terzo centro della sua squadra (44’ pt). Nel secondo tempo le reti non mancano con Suarez al settimo, e sul 4-1, però il match non è ancora finito soprattutto per il Siviglia che riesce a pareggiare. Prima fa il secondo gol con Reyes (12’ st) e poi il terzo grazie al rigore che Vitolo si procura per un fallo di Mathieu realizzato poi da Gameiro al 73esimo. Il quarto gol del Siviglia è di Konoplyanka servito da Ciro Immobile (36’ st), la coppia che è arrivata in Spagna con questa finestra di calciomercato e che partiva inizialmente dalla panchina.

Pedro segna pensando al suo addio e fa dichiarazioni importanti

Le due squadre arrivano ai tempi supplementari e la cosa più bella è che a regalare la coppa ai blaugrana è Pedro al centro di diverse voci di mercato. Perchè lo spagnolo avrebbe deciso di lasciare il Barça per andare a Manchester, probabilmente United, anche se nelle ultime ore potrebbe inserirsi anche il City. E così il giocatore che ha vissuto diversi anni di successo al Barcellona ha segnato al minuto 115 il quinto gol che è valso la vittoria. Da una punizione tirata da Messi e sulla ribattuta colpita nuovamente dall’argentino e non controllata bene dal portiere del Siviglia Pedro a un metro dalla porta ha calciato in rete il gol del trionfo. Dopo la formazione di Emery ha tentato di pareggiare di nuovo, ma non è servito a molto. E di questa serata se ne ricorderà principalmente Pedro entrato nei tempi supplementari al posto di Mascherano e diventato il protagonista del successo del club blaugrana. Anche se il diretto interessato non le manda a dire e si toglie qualche sassolino dalla scarpa nonostante il successo della sua squadra: “Sentivo molta rabbia. Credevo di essere schierato dall’inizio, anche perché mancava Neymar, invece il Mister mi ha preferito Rafinha. No, non voglio andarmene, anche se la situazione è molto complicata. Non è una questione di denaro, com’è stato scritto, mancandomi anche in questo caso di rispetto. È una questione di continuità, di minuti in campo. Io sono ambizioso e vorrei giocare sempre. Comunque vada a finire, posso tenere la testa alta, perché ho sempre dato tutto”. Ha spiegato Pedro ovviamente infastidito dallo scarso impiego nella formazione titolare anche in questa partita tanto importante.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here