Il presidente del Milan Silvio Berlusconi ha parlato ai microfoni di Radio Monte Carlo del futuro cambiamento nella panchina milanista. Il club rossonero è pronto a fare follie per portare con sé Carlo Ancelotti. Il diretto interessato ha già fatto sapere che la sua decisione sarà pronta per il 3 giugno. Una volta capito se possa essere il caso di tornare in Italia.

Silvio Berlusconi è pronto a fare follie per il ritorno di Carlo Ancelotti al Milan
Silvio Berlusconi Presidente del Milan

La proposta del Milan a Carlo Ancelotti

Carlo Ancelotti, infatti, lunedì scorso era stato esonerato dal Real Madrid ufficialmente, in seguito alla conferenza stampa del presidente Florentino Perez.
E nel frattempo da casa Milan si sono fatti avanti per convincere Ancelotti. Al mister hanno pensato di offrire un contratto triennale da quattro milioni a stagione, mettendogli a disposizione per il calciomercato un budget di 120 milioni per migliorare la squadra. Così si è aperta la lista di giocatori che potrebbero interessare il club lombardo: Mandzukic, Mario Suarez, Bacca o Jackson Martinez fino al sogno del ritorno di Zlatan Ibrahimovic.
Ancelotti non ha ancora risposto, anche se la sua volontà principale sarebbe quella di restare fermo un anno in attesa di proposte più interessanti. E così intanto in questi giorni andrà dalla moglie a Vancouver.

La corte dei rossoneri e le dichiarazioni di Silvio Berlusconi

Dal Milan però non smettono di corteggiare con assiduità l’ormai ex tecnico del Real Madrid. Così anche il numero uno rossonero si è espresso in merito all’interesse per l’allenatore di Reggiolo.
“Spero proprio che Ancelotti torni sulla panchina del Milan il prossimo anno. A lui ci lega un affetto forte, è stato vincente in tutte le squadre dove ha fatto l’allenatore, nel Milan naturalmente, nel Chelsea, nel Psg, nel Real Madrid”, ha dichiarato il cavaliere.
Nei giorni scorsi era stato l’amministratore delegato Adriano Galliani a volare nella capitale spagnola per parlare con Ancelotti. E dopo il suo rientro avvenuto ieri è stata la volta del diretto intervento del presidente Berlusconi. “Carlo voleva darsi un anno di sosta, Galliani è stato da lui per diverse ore per affrontare questo tema, ma speriamo di riuscire a convincerlo a venire da noi subito a partire dalla prossima stagione”.
Si faranno pazzie per convincere “Re Carlo”, che lo scorso anno ha regalato alle merengues la decima Champions League. Ma oltre a spendere per l’allenatore, al Milan bisognerà fare anche qualche operazione nella prossima finestra di mercato. Per Berlusconi il problema non è dei giocatori, perché la rosa è molto forte. La squadra secondo il numero uno rossonero non si è espressa al meglio a causa del gioco. Un’evidente frecciata all’attuale tecnico milanista. Filippo Inzaghi sarà scaricato, dopo una stagione fallimentare e per sistemare tutto oltre al possibile arrivo di Ancelotti, sarà il momento di comprare nuovi calciatori. E allora Berlusconi ammette che sarà necessario: “Mettere a disposizione un finanziamento importante, ma anche gli uomini che sono già nella rosa sono assolutamente validi e molti di loro sono nella nazionale italiana”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here