Alla fine è andata bene ad Arturo Vidal, che dopo l’incidente stradale provocato ieri in Cile, è stato graziato dal Tribunale di Garanzia, evitando così l’arresto. Il calciatore della Juventus potrà tornare a giocare in nazionale per la Copa America, perdonato anche dal suo CT.

La dinamica dell’incidente e la sentenza del Tribunale

In questi giorni il centrocampista aveva provocato uno scontro con la sua Ferrari 458 ed era stato trovato con un tasso alcolemico superiore alla norma circa 1,2 grammi rispetto agli 0,8 consentiti. Così dopo essere finito in ospedale insieme alla moglie, la polizia locale lo aveva portato in caserma. E nella mattinata è arrivata la sentenza del Tribunale di San Bernardo che ha deciso il ritiro della patente e l’obbligo di firma mensile nel consolato cileno a Milano per Arturo Vidal. Una pena che era stata richiesta proprio dal Pubblico Ministero. Nelle ore precedenti il calciatore della Juve si era scusato pubblicamente via Twitter e poi durante una conferenza aveva letto un comunicato di fronte ai giornalisti e le tv senza rispondere ad alcuna domanda.
“Chiedo scusa a tutti i miei compagni, ai giocatori, ai dirigenti, a tutto il paese. Ho deluso tutti. Ho bevuto due drink, quindi ho avuto un incidente come tutti sanno. Ho messo a rischio la vita di mia moglie e di molte persone, mi dispiace molto”, ha dichiarato il cileno con il volto tirato e scuro. “Sono molto imbarazzato, voglio ringraziare tutti coloro che mi hanno sostenuto nonostante tutto quello che è successo. Darò il massimo per diventare campione e mi dispiace per le persone coinvolte nell’incidente”, ha concluso Vidal visibilmente commosso.
Nel frattempo una tv locale, Bio Bio, aveva diffuso le immagini del fermo nei confronti del giocatore della Juve, che proprio ai poliziotti aveva detto: “Arrestatemi, ma rovinerete tutto il Cile”.

Arturo Vidal resta con la nazionale cilena

Vidal
Arturo Vidal

E invece il CT della Roja Jorge Sampaoli ha scelto di non privarsi della sua stella, che finora ha realizzato tre reti in due partite di Coppa. “Vidal si è sempre comportato bene con noi. Ha commesso un errore, ma ci sono molte cose da mettere sulla bilancia. Ho parlato con lui oggi, era molto preoccupato per le condizioni della moglie, ma voleva conoscere la posizione del corpo tecnico in merito a questo genere di cose”, ha dichiarato il mister del Cile durante una conferenza stampa organizzata in poco tempo.
L’allenatore della nazionale, quindi, proverà ad avere con sé il centrocampista nella partita contro la Bolivia: “La decisione è provare a vedere come sta e considerare che per noi è un giocatore molto importante Ha fatto un errore che non è così determinante per escluderlo”.
Insomma Sampaoli ha preferito passare sopra a questo sbaglio commesso da Vidal, che appunto era andato con la moglie nel resort di divertimento Monticello Grand Casino durante la giornata libera concessa ai giocatori della nazionale.
“Non mi piace escludere qualcuno perché ha commesso un errore. Ho sempre apprezzato Vidal, anche nel momento in cui ha messo a rischio il suo futuro per la nazionale”, ha spiegato il CT sottolineando l’attaccamento che il calciatore bianconero ha per il Cile.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here