Proprio a poche settimane dall’inizio della Coppa del Mondo, allo Stadio Olimpico di Roma il 20 maggio 2014 si è tenuta un’importante manifestazione organizzata in beneficenza, dove l’unico protagonista era il calcio. Si è trattato di una partita tra Italia e Brasile (trasmessa in tv su Italia 1 dalle 21, con il commento di Gianluigi Pardo, telecronista Mediaset) organizzata allo scopo di raccogliere fondi a favore di numerose Onlus. L’evento Mundial creato da diverse associazioni, si è svolto sin dal pomeriggio, quando le circa 45 mila persone hanno riempito gli spalti dell’impianto sportivo per assistere a spettacoli di Samba, Capoeira, musica dal vivo, giochi e partite di Footvolley (il tutto in salsa tipicamente brasiliana). Oltre alla presenza dell’associazione A.C.A.H. e del Sindacato Autonomo di Polizia, in campo sono scesi i bambini delle scuole di Roma, e quelli delle scuole calcio della Figc, i quali hanno sfilato sotto gli occhi degli spettatori lungo la pista dello stadio.

mundial-italia-brasile-olimpico-foto2
All’Olimpico sport e spettacolo con la partita Mundial Italia Brasile

Verso le ore 19,00 si è svolta la Love Cup (presentata da Emanuela Tittocchia e Fabrizio Pacifici), un mini torneo tra quattro squadre composte: una dal mondo della notte, una formata dagli uomini della Sicurezza di Stato, un’altra da personaggi di Radio e Tv e infine l’ultima soprannominata “Resto del mondo”. L’idea è nata dall’incontro tra Alex Bucci, creatore del progetto “Play Night World” e Francesco Paolo Russo, Presidente dell’A.C.A.H, Fabrizio Pacifici (eventiroma.com), Marcello Ciucchi (S.A.P.), il giornalista e speaker Alberto MandolesiMarino Collacciani giornalista de “Il Tempo”, Livio Lozzi e Fabrizio Rocca.  Due erano gli obiettivi: spingere i giovani a un sano divertimento e smentire i pregiudizi sull’antagonismo tra le due parti in gioco.

Il momento più atteso è stato il match tra le vecchie glorie del calcio, italiano e brasiliano, i personaggi dello spettacolo e alcuni giocatori ancora in attività. Dagli spalti sono arrivati applausi per quei calciatori, rimasti nel cuore di molti appassionati, e di quelli che tuttora indossano le maglie delle proprie squadre del cuore, dalla Roma alla Lazio, passando per l’Inter o per la Juventus. L’eterna sfida tra Nazionale azzurra e Seleçao brasiliana, è finita 7-3 per la squadra verde oro, e a dare spettacolo nelle due formazioni c’erano: Zico, Aldair, Ze Maria, Zago, Falcao Jr., Emerson, Favalli, Di Biagio, Delvecchio, Perrotta e Di Livio, Angelo Peruzzi, Alessandro Tonetto e tanti altri, tra le cosiddette vecchie glorie. In panchina gli allenatori Zoff e Colantuono.
I rappresentanti dello spettacolo erano dentro e fuori dal campo: Pino Insegno, Roberto Ciufoni, Kasper Capparoni, Giorgio Pasotti, Giulio Base. Claudia Gerini, Carlo Verdone e Juliana Moreira hanno dato il calcio d’inizio. E infine a giocarsi l’incontro Mundial c’erano anche un buon numero di giocatori che ancora non hanno smesso, e che per diverse ragioni non sono stati convocati dalle loro nazionali: Taddei, Paulinho, Dodò, Castan, Rubinho, Felipe Anderson, Jonathan, Juan Jesus, Danilo e Pinzi. Tra gli ospiti erano presenti Aldo Biscardi, Georgia Viero, Stefano Pantano, Raffaello Balzo, Angelo Costabile, in tribuna Paola Caruso (la bonas di Avanti un altro), Serena Saitta, Laura Minelli, William Betti (Spadino) ed altri personaggi dello spettacolo e della cultura. A bordo campo anche la giornalista sportiva Mikaela Calcagno. Insomma è stata una serata di festa e di beneficenza, dove la parola “violenza” era bandita, ma a girare erano le maglie “Eroi in divisa”, indossate per sensibilizzare la gente al lavoro delle forze dell’ordine. L’obiettivo era celebrare il calcio e l’amore per questo sport, e soprattutto l’eterna rivalità (esclusivamente agonistica), sul prato verde, tra Italia e Brasile, un incontro che è sempre stato pieno di ricordi e valori in campo.

Credito foto: GenteVip

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here