Tra dubbi, polemiche e qualche novità il ct della Nazionale Cesare Prandelli, ha diramato la lista dei 30 preconvocati che potrebbero giocare al prossimo Mondiale. Il commissario tecnico ha finalmente sciolto le riserve decidendo chi portare con sè in Brasile. Confermata la presenza di Giorgio Chiellini, mentre tra le sorprese troviamo Giuseppe Rossi e Alberto Aquilani; tra i grandi esclusi c’è Domenico Criscito e Alberto Gilardino. Anche se non si tratta della lista definitiva, è facile pensare che, salvo ripensamenti dell’ultima ora, questi saranno i nomi di chi ci rappresenterà al torneo iridato. Tra questi 30 ai quali Prandelli ha chiesto di tenersi pronti, dovrà scegliere i 23 che partiranno per il Sud America, in vista anche del primo raduno ufficiale a Coverciano in programma il prossimo 19 maggio 2014.

Mondiali 2014: Cesare Prandelli ha scelto, sì a Chiellini fuori Criscito e Gilardino

Ci sarà Giorgio Chiellini, uno dei pilastri difensivi della Juventus e della Nazionale italiana, nonostante le polemiche che lo hanno coinvolto circa il brutto episodio avvenuto nella partita Roma-Juventus. Il numero 3 bianconero infatti, in un’azione di gioco ha rifilato una gomitata al romanista Miralem Pjanic, che gli è costata tre giornate di squalifica dopo la prova tv. Non è stato però, applicato il codice etico per Chiellini, perchè la difesa azzurra non può fare a meno di lui e questo Prandelli lo sa, avendo giustificato la convocazione del toscano parlando di un colpo non cattivo. A proposito di violenza Prandelli in seguito agli scontri avvenuti fuori lo stadio di Roma in occasione della scorsa finale di Coppa Italia, ha rilasciato un’intervista in cui ha espresso la sua opinione. Dunque troveremo Chiellini al fianco di Brazagli e Bonucci suoi compagni di reparto nella Juve di Antonio Conte, ma ci saranno anche Abate e De Sciglio (Milan), Darmian (Torino), Maggio (Napoli), Paletta (Parma), Pasqual (Fiorentina) e Ranocchia (Inter). Dai difensori resta quindi fuori Domenico Criscito che su Twitter non ha nascosto la sua delusione: “Ci sono rimasto più di m…. adesso che due anni fa all’Europeo“. Il terzino dello Zenit San Pietroburgo evidentemente non si aspettava di restare a casa, anche perchè Prandelli gli ha preferito ben cinque difensori. Una beffa che gli ha fatto tornare alla mente quanto successe a pochi giorni dall’inizio dell’Europeo 2012, quando l’ex giocatore del Genoa venne coinvolto nell’inchiesta del calcioscommesse e fu per questo costretto a lasciare il ritiro azzurro, anche se alla fine risultò estraneo ai fatti. Una doccia gelata questa non convocazione per Domenico Criscito, che arriva in un momento in cui il difensore sembrava aver ritrovato la fiducia del ct azzurro. Nel novembre 2013 infatti, il calciatore napoletano, era tornato in Nazionale dopo un infortunio e Prandelli lo schierò dal primo minuto in Spagna-Italia. Forse il ct della nostra Nazionale non è rimasto particolarmente soddisfatto della sua stagione in Russia. Invece, nonostante il grave infortunio che l’ha tenuto per molti mesi lontano dai campi di calcio, Giuseppe Rossi, dopo quella della Fiorentina potrà tornare ad indossare la maglia azzurra. Un’importante chance per il Pepito che sicuramente saprà sfruttare nel migliore dei modi, come pure Alberto Aquilani, tra le paicevoli sorprese di questa lista. Il centrocampista viola è stato preferito all’attaccante del Genoa Alberto Gilardino, altro grande escluso da Prandelli.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here