Mary Calvi, giornalista, Presidente dell’Associazione Sorridendo Onlus ed ideatrice del Sorridendo Film Festival. Una donna dal carattere forte impegnata nel sociale con l’intento di aiutare chi soffre e donare “Sorrisi”. L’associazione Onlus Sorridendo è stata costituita nel 2012 con l’intenzione di offrire una migliore qualità di vita ai bambini con difficoltà economiche e d’integrazione. Con il passare del tempo sono aumentate le necessità, le esigenze, le attenzioni che occorrono ad un gruppo di bambini bisognosi, provenienti da istituti, case famiglia e paesi sottosviluppati, per il quale le risorse quotidiane non riescono a coprire il fabbisogno giornaliero. L’Associazione è stata intitolata “Sorridendo” e rappresenta il simbolo del pensiero positivo che deve animare il quotidiano e la vita delle persone con gravi problemi di natura di vario genere. Dall’11 al 13 aprile scorso si è svolta la seconda edizione della rassegna di corto e lungometraggi “Sorridendo Film Festival”, ideata da Mary Calvi, in cui è stato possibile parlare di diversità a 360°, ospitato da Cinecittà Studios con il red carpet di numerosi vip. In esclusiva a GenteVip.

Mary Calvi, presidente dell'associazione "Sorridendo Onlus" si racconta a GenteVip
Mary Calvi, ideatrice del Sorridendo Film Festival intervista esclusiva

Presidente dell’Associazione Sorridendo Onlus ed ideatrice del Sorridendo Film Festival. Chi è Mary Calvi?

Sono una giornalista di cinema e spettacolo di 33 anni, sono napoletana e vivo a Roma da 10 anni.

Cosa vi ha spinto a scegliere come nome dell’Associazione “Sorridendo”?

La scelta del nome deriva dalla volontà mia e dei soci fondatori di regalare un sorriso a chi è in difficoltà, quindi la scelta è caduta da sola su SORRIDENDO.

Come è nata l’Associazione?

È nata dalla voglia di raccontare la diversità in ogni sua forma come una risorsa e non come un punto di demerito. Io e gli altri soci fondatori da anni ci occupiamo di questo, ma ad un certo punto ci siamo resi conto che avremmo dovuto fare qualcosa di più, avremmo dovuto aiutare materialmente chi ha più bisogno e garantire attraverso il nostro sostegno, un adeguato inserimento sociale ai cosiddetti “diversi”.

Cos’è per te la diversità?

Non lo so. E’ un concetto che hanno provato più volte a spiegarmi ma non riesco a capirlo. Io a causa della mia disabilità dovrei essere una “diversa” ma non ho mai visto due persone perfettamente uguali, quindi siamo tutti diversi, a parte due gemelli che ho conosciuto alle elementari.

Si è concluso il “Sorridendo Film Festival”, che emozione hai provato ad incontrare Franca Valeri?

Avevo già incontrato Franca più volte, prima del festival, ed è sempre una grande emozione. Averla lì sul palco accanto a me ha dato molto più significato al vero messaggio che veicola il mio festival. Franca e la sua compagnia si sono fatti promotori, durante la loro stagione teatrale, del messaggio di Sorridendo! Onlus “Non esistono Sorrisi diversi ma Unici”.

Cosa è rimasto in te di questa edizione del Festival?

Cinecittà Studios, Solidarietà, Amore, Cinema, Amici attori e attrici tutti insieme per realizzare il sogno della “Chicco Sband” e naturalmente la voglia di preparare la prossima edizione.

Puoi anticiparci i tuoi progetti futuri?

Adesso con la mia agenzia seguo e rappresento diversi artisti, abbiamo tanti progetti in cantiere, a breve con il programma 321ciak on the red prodotto dalla MaMa Film e condotto da me e da Emanuela Tittocchia, partiremo per il tour dei festival internazionali di cinema e tv prima tappa Festival della tv di Montecarlo, da ottobre tornero’ sul set per la serie tv “obiettivo Salvezza”. Ma a Settembre avro’ l’impegno più importante, il mio matrimonio con Simone Terranova. Per questo meraviglioso evento abbiamo avuto bisogno della eccezionale pazienza e professionalità della stilista Maria Celli di Celli centro sposi che sta confezionando ad hoc il mio abito e di Erno Rossi il nostro personale Wedding Planner.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here