Lo Chef Bruno Barbieri durante una recente intervista ha dichiarato: “Lavoro da trenta anni, venti ore al giorno. Il mio sacrificio più grande è stato quello di non essermi potuto formare una famiglia. Ma lo rifarei di nuovo“. Romagnolo, con più stelle Michelin di chiunque altro alla pari con Gualtiero Marchesi è solo in apparenza il più mite tra i grandi della cucina, con educazione e raffinatezza riesce a essere implacabile di fronte agli aspiranti chef (per chi è un fan di Master Chef queste caratteristiche, sono ben note), cultore della pasta e quindi dei primi piatti, simbolo della nostra dieta mediterranea, adora l’Italia e per questo ha detto testuali parole: “Credo che noi italiani siamo dieci spanne sopra di tutti, come grandi produttori di cultura, cucina. Non voglio nemmeno deprimermi con il pensiero che siamo un Paese allo sbando. Sono fiducioso che attraverso il cibo, la gastronomia, il mio mestiere, che è legato al territorio, l’Italia possa ricominciare“.

Lo Chef Bruno Barbieri ha un sogno nel cassetto
Il sogno nel cassetto di Bruno Barbieri

Il suo sogno nel cassetto è fare un film con Johnny Deep poiché secondo Barbieri si somigliano e sono entrambi versatili e veri professionisti. Il 3 gennaio’14 è uscita la sua ultima fatica letteraria edita di Rizzoli “Via Emilia via da casa” dove racconta dei suoi viaggi, di quando era un bimbo e si manteneva già da solo a oggi. Ha conosciuto e imparato le cucine più stravaganti, dal mondo arabo all’amazzonica. Ci sono ben ottantacinque ricette con relativi ingredienti e svolgimento, ma c’è anche intimità, storie di famiglia. Naturalmente non è il classico che tutti si aspettano da lui. Ad esempio non ci sono le fotografie dei piatti, ma gli acquerelli di Marina Cremonini, che ha dipinto le pietanze. Sarà sicuramente bellissimo sfogliare un libro con degli acquerelli che illustrano le sue ricette.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here