Formula 1 Nico Rosberg ha vinto il Gp di Monaco lasciando dietro di sé Sebastian Vettel e Lewis Hamilton. Il tedesco della Mercedes ha tagliato il traguardo per primo approfittando di un errore del team che è costato la vittoria ad Hamilton. Il campione di Wiesbaden ha conquistato il secondo successo di seguito in questa stagione, ed ha trionfato al Gp monegasco per la terza volta consecutiva.

Rosberg conquista il Gp di Monaco, Hamilton viene penalizzato dalla sua scuderia
Rosberg: vittoria Gp di Monaco

Formula 1 – Gp di Monaco: la gara

Hamilton sabato aveva conquistato la pole e anche dopo la partenza in gara era riuscito a restare davanti a tutti. Dietro di lui Vettel ha provato a superare Rosberg, in quel momento secondo. Sul circuito di Montecarlo la corsa è stata particolarmente tranquilla, non è accaduto niente di particolare. In avvio di gara Fernando Alonso si tocca con Nico Hulkenberg e qualche giro dopo i giudici puniscono lo spagnolo con 5 secondi di penalità. Il pilota della McLaren però riprende la sua posizione raggiungendo la zona punti. Ma al giro numero 43 è costretto a ritirarsi, stavolta per un problema al cambio. I ritmi della gara non cambiano, anche se nel frattempo Vettel riesce a ridurre il margine da Rosberg, al contrario di Hamilton che vola via dando al secondo circa dieci secondi di svantaggio.
Poi al 65giro c’è una piccola scossa alla corsa, nata in seguito all’incidente di Max Verstappen. Il pilota della Toro Rosso, dopo il tentativo di superare Romain Grosjean a bordo della sua Lotus, perde il controllo della sua macchina ed esce alla curva di Santa Devota. L’incidente del giovane pilota costringe l’ingresso della Safety Car. Qui avviene l’errore della Mercedes, dallo staff arriva la chiamata per Hamilton che deve rientrare ai box. L’inglese va per il suo secondo pit stop e quando torna in pista, si mette dietro a Rosberg e Vettel.
La corsa riparte a otto giri dalla fine, quando la safety lascia la pista. A quel punto però Hamilton non riesce più a ritornare primo. Vince Rosberg con il tempo di 1h 49’18’’420, secondo arriva Vettel con un ritardo di 4’’486, terzo l’inglese della Mercedes (+ 6’’053). Quarto Kvyat per la Red Bull (+ 13’’608), quinto Ricciardo (+ 13’’608), che forse avrebbe meritato una penalità per il sorpasso ai danni di Raikkonen, giunto al traguardo sesto.

Gp di Monaco: le dichiarazioni dei protagonisti

Alla fine della gara il campione in carica ha commentato la decisione delle frecce d’argento: “È accaduto tutto rapidamente, non ricordo bene. Analizzeremo quello che abbiamo sbagliato, come squadra. Io mi fido del team, ero convinto che fosse la scelta giusta, tutto qui, purtroppo non lo è stata”. Hamilton avrà ancora fiducia nelle scelte future del team? “Certo”. Nico Rosberg non ha colpe nel risultato finale del suo team: “So di aver avuto fortuna oggi, mi godo il momento. Devo lavorare duro, so che Lewis era più forte di me in questo weekend. Non ho idea di cosa sia successo, da dentro la macchina è difficile giudicare le decisioni di questo tipo”. Nel frattempo Toto Wolff ad della Mercedes ha chiesto scusa pubblicante con una nota al britannico per l’errore commesso in gara: “Oggi abbiamo vinto e perso in egual misura, ci dispiace molto per Lewis ma sono orgoglioso perché in questa squadra si vince e si perde insieme, prendendoci tutti le nostre responsabilità. Oggi però dobbiamo solo scusarci col nostro pilota perché il nostro errore gli è costato la vittoria. Abbiamo sbagliato i calcoli, credevamo di avere margine per il pit stop e il rientro in pista davanti a Rosberg. La decisione di rientrare è stata nostra, in queste situazioni il pilota ha fiducia in quello che gli dice di fare la squadra”.
Alla Ferrari invece sono felici del risultato: “E’ vero, ho chiuso secondo con un po’ di fortuna, ma eravamo lì quando contava e sono riuscito a tenere dietro Lewis. Abbiamo provato a mettere pressione a Nico, ma lui alla fine era più veloce. Al pit-stop non è andato tutto benissimo, ma il team ha fatto lo stesso un grande lavoro”, ha affermato Sebastian Vettel alla fine della gara. Ancora più soddisfatto è stato il Team Principal della Ferrari, Maurizio Arrivabene che non ha risparmiato frecciate ai rivali della Mercedes: “C’è soddisfazione per questo podio di Vettel, l’abbiamo sentito di nuovo parlare in italiano, sintomo del fatto che per lui un po’ di soddisfazione c’è. Certo, noi abbiamo avuto un po’ di fortuna, bisogna essere sinceri, però la fortuna la si cerca anche, nel senso che loro sono stati, secondo me, un po’ arroganti, pensando di fare un cambio e poi passarci alla grande”. Rosberg con il successo a Monaco arriva a -10 da Hamilton, quest’ultimo è primo nella classifica del mondiale piloti a 126, davanti al tedesco a 116, infine terzo è Vettel che ha 98 punti. Adesso il Circus si sposterà a Montreal per il Gp del Canada del 7 giugno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here