Bello, simpatico e alla mano ma con un bagaglio culturale davvero ragguardevole. Lo scrittore romano Emiliano Reali non è certamente uno qualunque. Parla piano, pondera bene ogni singola parola, conscio del fatto che le parole hanno un loro valore che lui conosce molto bene e da vicino, e ti guarda dritto negli occhi quando risponde a una domanda, nonostante la sua leggera timidezza.

emiliano-reali-intervista-foto
Intervista allo scrittore Emiliano Reali

Intervista – Emiliano, sfogliando il tuo aggiornato curriculum vitae, noto che ti sei dato molto da fare nella tua vita, nonostante la tua giovane età…

[quote type=”medium” align=”justify”] Sì, diciamo che non sono il tipo che ama starsene
con le mani in mano, come si suol dire. Quando posso, mi piace attivarmi per fare tante cose, soprattutto se queste cose mi stimolano sia da un punto di vista intellettivo che intellettuale. E poi, essendo anche una persona decisamente passionale, amo vivere tutti i mie interessi artistici e non, in maniera reale ed intensa. Del resto, se non fosse così, non riuscirei a scrivere romanzi, non pensi? [/quote]

È vero… Hai pienamente ragione. Tuttavia c’è chi dice che hai sfruttato la tua bellezza, decisamente lampante, per spianarti la strada nel difficile mondo dell’editoria…

[quote type=”medium” align=”justify”] La gente può pensare e dire quello che vuole. Pensa e dice questo? Beh, da una parte può avere anche ragione, dal momento che una persona dall’aspetto piacente fa sempre, almeno all’inizio di una conoscenza anche a livello prettamente lavorativo e professionale, una bella impressione, inutile negarlo. In pratica la nostra faccia e il nostro corpo sono il primo biglietto da visita, poi viene tutto il resto che talune volte può essere ancor più interessante di quello che si nota a prima vista, diciamo così. Ma poi, se non c’è sostanza, non si va avanti! [/quote]

Sì ma tu hai fatto il modello per tanto tempo…

[quote type=”medium” align=”justify”] Eh già! Mi sembra non ci sia nulla di male? Non c’è nulla di cui vergognarsi. Ho fatto foto, né per dare sfoggio della mia bellezza al mondo intero, né per gonfiare di orgoglio il mio ego, ma solo per avere qualche soldino in tasca in più. [/quote]

Ok, ma quando hai capito che la scrittura era la tua strada?

[quote type=”medium” align=”justify”] Ho sempre molto amato sia leggere che scrivere, ma la scintilla verso la scrittura si è accesa grazie ad una mia carissima amica che aveva deciso di partecipare, anni e anni fa, ad un concorso letterario molto interessante e accattivante. Mi fece leggere il suo testo e mi venne voglia di scriverne uno a mia volta. Con il racconto “La corda d’argento”, contenuto nell’opera “Sul ciglio del dirupo” (DEd’A 2012), ho vinto il concorso Giovani Parole indetto dalla prestigiosa Scuola Holden di Torino. Poi ho pubblicato tante altre cose, la lista potete trovarla insieme a moltissime foto e svariate curiosità sul mio aggiornatissimo sito web al link www.emilianoreali.it. [/quote]

Ora è la volta di “Ordinary” in versione arbook… Ce ne vuoi parlare?

[quote type=”medium” align=”justify”] “Ordinary” (DEd’A 2013) arbook è un’innovazione, ovvero qualcosa di mai visto in Italia, dal momento che i lettori avranno tra le mani il vecchio e caro libro di carta, ma passando il proprio device (tablet, ipad, smart phone) di fronte alcune pagine partiranno dei video da me registrati, oppure le parole del romanzo verranno raccontate dalla voce di bravissimi attore, o si potranno ammirare scene teatrali. I video verranno aggiornati, modificati, aggiunti di continuo, quindi il romanzo anche dopo esser stato letto resterà interattivo. Fantastico, vero? [/quote]

Fantastico sì, come te Emiliano!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here