Una grande serie tv sta per tornare su Rai Uno: da lunedì 29 febbraio arrivano i nuovi episodi della serie televisiva “Il Commissario Montalbano” con il protagonista Luca Zingaretti. La conferenza stampa della nuova edizione si è tenuta ieri presso gli studi Rai di Viale Mazzini.

E’ uno degli appuntamenti più attesi del piccolo schermo. “Il commissario Montalbano” torna in prima serata su Rai Uno con due nuovi film per la tv, per la regia di Alberto Sironi che vedranno l’amatissimo Salvo Montalbano alle prese con nuovi e intricati casi da risolvere. Si comincia lunedì 29 febbraio con “Una faccenda delicata” , tratto dalle raccolte “Un mese con Montalbano” e “Gli arancini di Montalbano” , mentre lunedì 7 marzo sarà la volta de “La piramide di fango” tratto dall’omonimo romanzo del maestro Camilleri. Il cast storico della fiction “Il commissario Montalbano” è composto da Luca Zingaretti, Cesare Bocci, Peppino Mazzotta e Angelo Russo. Nel cast di Una Faccenda Delicata ci sarà una new entry: l’attrice Sonia Bergamasco.

Il commissario Montalbano conferenza stampa 22 febbraio 2016
Il Commissario Montalbano cast

“Il commissario Montalbano” conferenza stampa

Montalbano è l’icona della fiction italiana anche nel resto del mondo. È testimonial di una grande fiction da servizio pubblico, è in grado di coniugare la qualità e i risultati di ascolto. È uno specchio dell’Italia” ha dichiarato il direttore di Rai Uno Eleonora AndreattaMontalbano è stato venduto in 65 Paesi, dalla Spagna alla Francia, dall’Inghilterra all’America. Ma questo Montalbano è più maturo. Il primo film ha coloriture più da commedia italiana, nell’altro c’è l’indignazione di fronte alla scoperta del legame tra politica e mafia“.

Abbiamo deciso di scendere a due pezzi per non dare niente per scontato, dopo 20 anni” ha affermato il produttore Carlo Degli EspostiAbbiamo rimesso in discussione tutto, abbiamo fatto lunghe letture della sceneggiatura. Siamo andati a casa di Camilleri, a recitare c’erano Luca Zingaretti e il regista Sironi, peccato non aver portato la telecamera“.
Queste le parole del protagonista Luca Zingaretti: “Da quando ho 18 anni sento di essere lo stesso Luca Zingaretti. Ho maturato l’idea che da quando iniziamo ad avere coscienza di noi stessi la cosa bella è che si conserva una propria coscienza di sé immutata nel tempo. La stessa cosa si può dire per il personaggio di Salvo Montalbano. Più che il personaggio è l’Italia ad essere mutata. Siamo diventati un altro Paese“. “Identificato con Montalbano? Nel 2008 dissi ‘basta a Montalbano’, ma per una questione strategica. Pensavo che fosse arrivato il momento di smetterla” ha continuato poi Zingaretti “Montalbano al cinema? Penso che un cinema 20 anni fa si sarebbe impadronito dei racconti di Camilleri. La Rai e Carlo degli Esposti hanno fatto sì che a noi non mancasse nulla, non ci siamo mai posti il problema se fosse per il cinema o per la tv“.
Livia con me non diventa un’altra persona; si parte da una scrittura felicissima” è stata poi la dichiarazione dell’attrice Sonia Bergamasco che interpreta la nuova Livia “Il gioco di squadra ha una sua perfezione. Io ho accettato dopo ben poca riflessione. Con me Livia parla italiano e rinsalda il rapporto con Salvo, che prima era vissuto spesso a distanza. E trova una sua morbidezza“.
Cesare Bocci, invece, che interpreta il ruolo di Mimì Augello, ha dichiarato: “La bellezza di Montalbano è che non racconta solo storie, ma anche l’affetto tra i membri della squadra. Con Montalbano c’è una grande amicizia. Camilleri sa dare anima ai personaggi che racconta“.
Sonia Bergamasco ha tutto quello che avevano le donne che giravano intorno a Montalbano” dichiara infine il regista Alberto SironiAbbiamo cambiato Livia non per una questione di doppiaggio, ma perché la prima attrice non aveva tempo per venire in Italia. Abbiamo pensato a un personaggio più maturo, meno morbido, abbiamo scelto una attrice svedese. Brava, ma non ci ha dato le risposte che cercavamo. Ora il rapporto con Livia è cambiato. Avevamo bisogno di un’attrice che dialogasse con Salvo in altro modo“.

LASCIA UN COMMENTO